(foto di repertorio)
News
Incastrati dalla videosorveglianza

Erano il terrore dei negozianti: smantellata la banda dei rapinatori con lo scooter

Entravano negli esercizi arma in pugno e si facevano consegnare l’incasso. Poi si dileguavano in sella a un motorino. La polizia ha fermato due italiani. Denunciata una loro complice

La polizia ha smantellato una banda di rapinatori che ha messo a segno, lo scorso ottobre, una serie di colpi ai danni di piccoli negozi di Torino. La “batteria”, composta da due uomini e una donna, arrivava sul posto a bordo di uno scooter di grossa cilindrata: un membro della gang, travisato con un casco da motociclista, entrava armato nel negozio e si faceva consegnare l’incasso, per poi scappare assieme al complice.

IDENTIFICATI GRAZIE ALLA VIDEOSORVEGLIANZA
Gli agenti hanno identificato i malviventi grazie alle immagini dei sistemi di videosorveglianza e alle testimonianze. La banda, lo scorso 28 ottobre, aveva rapinato una pasticceria in via Isernia, e poche ore dopo, un negozio di abbigliamento in via Reggio e un pastificio in corso Svizzera. Secondo quanto appurato dagli investigatori, i malviventi si alternavano tra loro e utilizzavano due diversi scooter per fuggire dalla scena del crimine subito dopo aver messo a segno il colpo.

SONO SOSPETTATI ANCHE DI ALTRI COLPI
Fabian Marciano, 39enne di Pisa, e Fabrizio Frencia, pinerolese di 42 anni, sono stati arrestati dagli agenti delle volanti, che hanno identificato e denunciato anche una loro complice. L’arma utilizzata dai rapinatori è la riproduzione di una pistola semiautomatica. Gli investigatori della Squadra mobile sospettano che la banda sia responsabile anche di altri colpi.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo