Depositphotos
Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO

Equilibrio

Una fonte inesauribile di notizie curiose sono le ricerche dei più vari istituti sparsi nel mondo, spesso universitari (e spesso, secondo me, inventati) su argomenti talmente strampalati da far dubitare seriamente sull’utilità di finanziare la ricerca. L’ultima è questa: un gruppo di esperti di Regno Unito, Stati Uniti, Australia, Finlandia e Brasile ha esaminato la relazione tra equilibrio e mortalità. Coordinato dal dottor Claudio Gil Araujo della Clinica di medicina dell’esercizio Clinimex a Rio de Janeiro, il gruppo ha pubblicato sul British Journal of Sports Medicine uno studio secondo il quale se hai difficoltà a stare in piedi su una gamba non stai bene. Le persone di mezza età e gli anziani che non riescono a restare in equilibrio su una gamba per almeno 10 secondi hanno il doppio di probabilità di morire entro 10 anni, rispetto a chi ci riesce. Secondo il team di ricercatori il test sull’equilibrio dovrebbe essere incluso nei controlli sanitari di routine per gli anziani. Tra il 2008 e il 2020 sono state testate 1.702 persone, tra 51 e 75 anni. Una su cinque (21%) ha fallito il test. L’incapacità è stata associata all’aumento dell’84% del rischio di morte per qualsiasi causa. Poi però, per una freudiana resipiscenza, i ricercatori ammettono che il loro studio “ha dei limiti, essendo i partecipanti brasiliani bianchi: i risultati potrebbero variare con altre etnie e nazioni”. Secondo me l’unico risultato certo di questo studio (se davvero è stato fatto) o meglio della sua divulgazione (quella è stata fatta) è che tutti (me compreso) si sono messi su una gamba per provare. Io ce l’ho fatta. Ho 50% di probabilità in meno di morire entro due lustri. Me le gioco con la pipa.

collino@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo