marco mattis
Cronaca
IL FATTO

Epifania di sangue, due morti. Uno era un giovane calciatore

Alla Crocetta il primo incidente mortale del 2023 in provincia di Torino

La “tregua” è durata pochi giorni. Nella notte dell’Epifania sono arrivati, purtroppo, i primi incidenti stradali mortali dell’anno. Il primo a Torino, in corso Einaudi, dove ha perso la vita una attrice teatrale 34enne di Collegno. E il primo anche nel cuneese, dove è morto un giovane calciatore del Csf Carmagnola. La tragedia della Crocetta si è verificata a notte fonda. Erano circa le 2.30 quando la Lancia Ypsilon su cui viaggiava, come passeggera, Morena Guerini si è ribaltata dopo uno scontro la cui dinamica è ancora al vaglio degli agenti della polizia municipale. Secondo quanto è stato possibile ricostruire fino a ora, la Ypsilon viaggiava su corso Einaudi in direzione di Cenisia quando è entrata in contatto con un’Alfa Romeo 147. Resta da chiarire in che direzione viaggiava quest’ultima, che abbastanza incredibilmente all’arrivo sul posto dei vigili presentava solo u n’ammaccatura di poco conto sulla fiancata sinistra. Due le ipotesi: o si trovava sulla stessa carreggiata, e quindi alla destra della Lancia, oppure su quella opposta. In entrambi i casi, pare evidente che una delle due auto abbia leggermente sbandato, finendo con l’invadere la corsia su cui viaggiava l’altra. Un urto neanche troppo violento, vedendo i danni dell’Alfa Romeo, ma che ha mandato la Ypsilon contro il semaforo che si trova al centro dell’incrocio con via Cassini, facendola letteralmente decollare. La vettura si è ribaltata più volte, e la 34enne purtroppo è stata catapultata fuori dall’abitacolo. Tra i primi ad arrivare sul posto, anche due autisti di carro attrezzi che hanno tentato, purtroppo invano, di prestarle i primi soccorsi. La donna era infatti morta sul colpo, come hanno poi accertato anche i sanitari del 118 che hanno provato a lungo a rianimarla, senza però avere successo. Più fortunata è stata la conducente della Ypsilon, una parente della Guerini, che è stata estratta dall’abitacolo e trasportata al pronto soccorso del Cto da dove è stata dimessa ieri, con 45 giorni di prognosi. Ora le indagini della polizia municipale dovranno chiarire l’esatta dinamica dell’inci – dente, per accertare eventuali responsabilità. Nel frattempo, resta la pericolosità di un incrocio che, come da tanti sostenuto ieri tra i banchi del mercato della Crocetta, spesso di notte viene affrontato a una velocità troppo elevata, forse perché intersezione tra un grande viale e una strada più piccola. Poco prima dell’incidente di Torino, all’1 di notte, un’altra tragedia si è verificata nel centro di Sanfrè, nel cuneese, dove si è ribaltata una Renault Clio con a bordo tre ragazzi. La vettura viaggiava in direzione di Sommariva Bosco in via Circonvallazione, quando il conducente, per causa in corso di accertamento, ha perso il controllo. Ad avere la peggio, purtroppo, è stato il 20enne Marco Mattis di Sommariva Bosco, che era uno dei passeggeri, mentre i suoi due amici sono stati entrambi ricoverati – uno al Cto e uno a Verduno – in gravissime condizioni. In questo caso le indagini sono affidate ai carabinieri della compagnia di Bra, intervenuti sul posto insieme ai vigili del fuoco di Alba e di Sommariva Bosco e alle ambulanze del 118. Mattis era un giovane calciatore del Csf Carmagnola e la società ieri l’ha ricordato con un messaggio su Facebook: «L’amico Marco riposi in pace, possa proteggere i suoi cari e continuare a fare il tifo per i nostri colori».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo