La deputata Castelli e gli altri esponenti del M5S davanti ai cancelli della Embraco
Cronaca
Il giorno dopo le elezioni

Embraco, la Castelli (M5S) davanti ai cancelli dell’azienda: “La nostra battaglia continua”[FOTO E VIDEO]

Riconfermata alla Camera, la deputata si è presentata al “cambio turno” davanti ai cancelli dell’azienda di Riva di Chieri dove ha incontrato i lavoratori. Polemica a distanza con il ministro Calenda

“Dopo il grande risultato elettorale per noi parlamentari 5 Stelle non cambia nulla. Ci vediamo al cambio turno delle 14 davanti ai cancelli della fabbrica di Riva presso Chieri per incontrare i lavoratori Embraco“. Anche il giorno dopo le elezioni che hanno visto il grande exploit dei candidati pentastellati, la vicenda Embraco resta sotto i riflettori della politica. E ad assicurare che “la battaglia continua” è stata la deputata del M5S Laura Castelli, riconfermata alla Camera nel plurinominale. L’esponente pentastellata, questo pomeriggio, come da lei stesso annunciato su Facebook, si è regolarmente presentata al “cambio turno” dell’azienda del gruppo Whirpool, alle ore 14, davanti ai cancelli dello stabilimento dove i candidati M5S del collegio, compresa l’eletta nell’uninominale Celeste D’Arrando, nei giorni scorsi ed anche oggi, hanno incontrato i lavoratori. “Siamo e saremo sempre con loro ad ogni livello – ha detto la Castelli – Torino, Roma, in Europa ed in ogni luogo in cui si prenderanno decisioni sul futuro di oltre 500 famiglie”.

BOTTA E RISPOSTA CON IL MINISTRO CALENDA
Su Twitter, la deputata del M5S ha poi trovato il tempo di “bacchettare” il ministro  dello sviluppo economico Carlo Calenda, atteso domani a Torino per fare il punto sulla vertenza Embraco. “Il M5S davanti ad Embraco oggi. Carlo Calenda perché vieni domani?” ha scritto la parlamentare pentastellata. Immediata la replica dell’esponente del governo, sempre a mezzo tweet: “Cara Laura essenzialmente perché io vado, solo se mi chiamano i lavoratori, a spiegare l’accordo fatto. Le buffonate ancora per un po’ mi tocca lasciarle a voi”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo