Embraco ok giornale
News
CHIERI

Per Embraco ancora un rinvio: «Promesse non mantenute»

Cancellato l’incontro che era stato fissato oggi. Ora insorgono i sindacati

C’è ancora speranza per l’ex Embraco? «Adesso basta promesse non mantenute: siamo pronti a manifestare». Ad annunciarlo è Ciro Marino della Uglm, che sta organizzando una protesta insieme agli altri sindacati. A scatenare la rabbia di sigle e lavoratori è l’ennesimo intoppo sulla ripartenza della Ventures, l’ex Embraco di Riva presso Chieri: «Il 20 dovevamo incontrare la sottosegretaria Alessandra Todde per fare il punto della situazione – riportano i delegati – Poi ha rimandato a oggi e adesso ha di nuovo rimandato alla prossima settimana, senza indicare una data specifica». Cos’è successo? La riunione di oggi doveva servire come aggiornamento sul progetto Italcomp, il polo italiano dei compressori che dovrebbe nascere dopo la fusione con la Acc di Belluno (che conta 300 dipendenti). L’idea è che nasca una nuova società partecipata al 70% dallo Stato e attiva da gennaio 2022: l’investimento complessivo sarebbe di 56 milioni di euro, di cui 18 a Riva. Peccato che l’azienda veneta sia in liquidazione, riceva ordini ma non abbia più fondi per acquistare le forniture e rispettare le consegne.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo