lago del laux
Viaggi
LA GITA FUORI PORTA

Ecco il Lago del Laux, perla della Val Chisone alla portata di tutti

Un luogo di ritrovo per una giornata di relax, anche in camper, o pranzare e cenare al ristorante sulla sua riva

C’è chi la vede come una meta ideale per picnic con amici e in famiglia, chi come un luogo romantico dove trascorrere una giornata o anche solo qualche ora. Il Lago del Laux è uno dei tesori della Val Chisone.

Il Lago si trova a Usseaux, paesino rurale dell’Alta vallata, a 40 km da Pinerolo, con una storia arricchita dal dialogo tra valdesi e cattolici. Sul suo territorio insistono sia il Parco Orsierà Rocciavrè, sia il Parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand. Usseaux fa parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia ed è costituito da cinque borgate, ognuna riconoscibile per una sua vocazione o per il suo aspetto peculiare: il capoluogo è la borgata dei murales e del pane, Balboutet del sole e delle meridiane, Fraisse del legno, Pourrières dell’Assietta e il Laux dell’acqua, proprio per la presenza del laghetto naturale che la caratterizza e che riflette il colore dei boschi sulla sua superficie. Il lago è un luogo di ritrovo per chi vuole godersi una giornata di relax, anche con il camper, o pranzare e cenare al ristorante sulla sua riva, mentre il borgo si trova poco lontano. Tra le sue particolarità, c’è che è l’unica frazione che si trova sulla destra orografica del Torrente Chisone.

La sua nascita si fa risalire all ’inizio del 1.200 d.C., dall’insediamento di alcuni esuli fuggiti da Lione e dalla Provenza. Una delle sue attrattive è il sentiero che dal lago conduce al Comune di Fenestrelle. Un percorso ampio e ombreggiato, adatto anche alle famiglie con bambini, che consente di avere una vista panoramica del Forte di Fenestrelle, imponente complesso militare realizzato tra il 18° e il 19° secolo e conosciuto come la “Grande muraglia piemontese”.

Nel corso degli anni le borgate di Usseaux sono state recuperate e valorizzate, richiamando visitatori anche per eventi simbolo, come la fiera zootecnica di Balboutet o Legninvalle a Fraisse, eventi che la pandemia lo scorso anno ha imposto di cancellare, nel rispetto delle norme anti-Covid. Proprio la diffusione del nuovo coronavirus, però, ha aperto nuovi spiragli e ha spinto diverse persone alla riscoperta della natura e della montagna. «L’anno scorso ci sono stati villeggianti che hanno passato qui anche diverse settimane, se non mesi – sottolinea il sindaco Andrea Ferretti -. Tra i fattori che hanno favorito questa permanenza c’erano la possibilità di lavorare in smartworking e il fatto che nelle città non c’erano attività estive per i ragazzi».

Qualcosa anche quest’anno si nota, ma ci sono delle differenze: «C’è chi è tornato a villeggiare, ma è calato il flusso giornaliero in settimana, mentre nel weekend i numeri sono alti. In futuro dobbiamo ampliare i confini e puntare a un turismo che arrivi da più lontano e si fermi per più tempo da noi» conclude Ferretti.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo