bimbo precipita finestra
Cronaca
IL FATTO

E’ uscito dalla Rianimazione il bimbo caduto dalla finestra

Migliorano le condizioni di Faramarz, proseguono le indagini della polizia

Migliorano le condizioni di Faramarz, il bambino di un anno e mezzo che lunedì è precipitato da una finestra in via GottardoAnche se occorrerà ancora qualche ora per poterlo considerare ufficialmente fuori pericolo, ieri dall’ospedale Regina Margherita, dove è ricoverato, filtrava un cauto ottimismo. Il bambino infatti è vigile e cosciente ed è uscito dalla Rianimazione. Ora è ricoverato nel reparto di Neurochirurgia, monitorato per le conseguenze del trauma cranico riportato e, come detto, ancora in prognosi riservata.

In attesa di poter quindi tirare un definitivo sospiro di sollievo dal punto di vista sanitario, si apre la parte relativa alle indagini e alle eventuali conseguenze giudiziarie. Le indagini sono affidate al commissariato Barriera di Milano e gli investigatori sono ora in attesa dei referti medici e delle indicazioni della Procura per decidere come procedere. Secondo quanto è stato ricostruito fino a ora, il bimbo, di origine afgana, è caduto dalla finestra del primo piano del palazzo di corso Giulio Cesare 178, proprio all’angolo con via Gottardo, ha colpito le tende della profumeria sottostante, che per fortuna hanno attutito il colpo e probabilmente gli hanno salvato la vita, ed è atterrato sull’asfalto, dove ha battuto la testa. Faramarz abita con i genitori e i parenti in un grosso appartamento affidato a una cooperativa per ospitare richiedenti asilo. Al momento dell’incidente, intorno alle 17, in casa con lui ci sarebbero stati la mamma, una zia, il nonno e i due fratellini più grandi, di 3 e 4 anni. L’ipotesi più probabile è che i bimbi abbiano approfittato di un momento di distrazione degli adulti e siano saliti sul tavolo. Da lì il piccolo sarebbe riuscito ad arrivare fino alla finestraLa polizia e la procura dovranno stabilire se gli adulti che erano in casa hanno una responsabilità per quanto accaduto.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo