incidente-torino
Cronaca
IN PROVINCIA

E’ strage di giovani sulle strade: tre morti, un disperso e 5 feriti

Una vittima di 25 anni a Trana. A Susa un 18enne cade nel canale in moto

Due giorni terribili sulle strade della provincia di Torino. Ora si contano i morti che sono due accertati, tre se si considera la giovane infermiera di Chieri, Iris Caiola di 22 anni, deceduta venerdì notte in auto mentre faceva ritorno da una festa. Domenica pomeriggio una ragazzo di 25 anni di Mappano ha perso la vita in un incidente a Trana. Viaggiava insieme a tre amici, rimasti feriti in modo grave. Sono stati trasportati all’ospedale San Luigi e per loro i medici non hanno ancora sciolto la prognosi. La vittima, Francesco Tranchina, operaio, residente a Volvera, era alla guida della Fiat Punto mentre percorreva con la statale 589 di Trana. Secondo una prima ricostruzione, durante un sorpasso il conducente avrebbe perso il controllo dell’auto ed è finito in una scarpata. L’auto si è ribaltata più volte prima di fermarsi. Tranchina è morto sul colpo. I suoi tre amici sono rimasti incastrati nell’abitacolo e per liberarli è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco. Sulla dinamica dell’incidente sono in corso le indagini dei carabinieri della compagnia di Rivoli che stanno cercando di ricostruire gli istanti prima dello schianto per capire che cosa abbia fatto perdere il controllo al conducente. I feriti sono un ragazzo di 31 anni di Alpignano, un giovane di 21, residente a Orbassano e un 22enne di Volvera. Intanto da ieri pomeriggio al confine tra Bussoleno e Susa sono in corso le ricerche di un motociclista di appena 18 anni che, dopo aver perso il controllo del veicolo, ha urtato il guard-rail a lato della statale 24 ed è stato sbalzato di sella nel canale sottostante. I vigili del fuoco con il 118 e i carabinieri della compagnia di Susa stanno cercando di rintracciare il giovane, che potrebbe essere ancora vivo, e si pensa sia stato trascinato a valle dal corso d’acqua che costeggia, in forte pendenza, la centralina idroelettrica di frazione Coldimosso. Le ricerche si sono svolte anche con l’aiuto di un elicottero. Secondo le prime ricostruzioni la persona alla guida avrebbe avuto un malore, o la moto un guasto ai freni, perché il veicolo ha tirato dritto in curva finendo proprio contro il guard-rail. I sommozzatori hanno ispezionato il canale in direzione della Dora. In serata, invece, un uomo residente a Ivrea è morto sulla statale pedemontana tra Samone e Ivrea, poco prima dello svincolo per l’autostrada A5 Torino-Aosta. Diretto a Ivrea, era al volante di un Fiat Qubo che è finito fuori strada. La vettura ha invaso la corsia opposta e ha terminato la corsa nei prati a lato della carreggiata. Il conducente ne avrebbe perso il controllo a causa di un malore che non gli ha lasciato scampo. La dinamica dell’incidente è al vaglio dei carabinieri di Ivrea. Infine, a Coassolo, una donna di 40 anni e sua madre, di 72, entrambe residenti a Chialamberto, sono rimaste ferite a seguito di un pauroso incidente stradale avvenuto nella mattinata di ieri. La loro auto, una Lancia Ypsilon, stava percorrendo quel tratto di strada quando, all’improvviso e per cause in fase di accertamento ha prima sfondato il guard-rail ed è finita in una scarpata, dopo un volo di cinque metri. Le due donne sono ricoverate al Cto in prognosi riservata.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo