Facebook
Spettacolo
IL LUTTO

E’ morto l’attore Elio Pandolfi: nel 2002 il premio alla carriera al Torino Film Festival

Aveva 95 anni. Il ricordo di Steve Della Casa, direttore di quel Tff: “Ha fatto cose straordinarie”

Si è spento la notte scorsa nella sua Roma Elio Pandolfi, l’attore che per primo fu insignito nell’ambito del Torino Film Festival dell’allora neonato Premio Maria Adriana Prolo alla carriera.

Era il 2002 e Pandolfi, raggiante, ebbe il coraggio di dire: «Sono contento di ricevere questa targa, ma sono anche interdetto: non credo di meritare questo onore». Un’affermazione coraggiosa, sì, perché chi più di lui era degno di un simile riconoscimento?

«È stato tanto, tutto, ha fatto cose straordinarie – ricorda oggi Steve Della Casa, direttore di quel 20° Tff – Basti pensare che la sequenza della conferenza stampa nel felliniano “La Dolce Vita”, dieci minuti di voci maschili e femminili, l’ha doppiata interamente lui. L’unica cosa che non fece è quella che molti stanno scrivendo in queste ore: non fu la voce di Stanlio, gli capitò solo una volta; in compenso però doppiò perfino la Magnani!».  Teatro, cinema, radio, tv: Pandolfi ha declinato la sua sensibilità ed il suo estro in tutti i settori dello spettacolo e di quei magici anni custodiva una marea di aneddoti e sensazioni: «La sua memoria era portentosa – continua Della Casa – anche negli ultimi tempi, ormai allettato, ricordava tutto di quei magici anni».

Ma il suo amore, il suo impegno maggiore, la compagna vera di tutta una carriera è stata per lui la voce, che parla, interpreta e soprattutto canta, perché, come spiegò lui stesso per la festa dei 90 anni, “chi canta spera sempre, anche se non sa in che cosa e anche a 90 anni, quando la testa funziona ma è il corpo che perde qualche colpo”.
(foto: Facebook – Elio Pandolfi)

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo