lupi piazza eurovision
Spettacolo
EUROVISION

È cominciato lo show tra i “lupi” in piazza e grandi sfide sul palco

Blanco e Mahmood, fra scherzi e imprese da discoli. La sfilata delle delegazioni, poi la gara: ecco dove si vede

La band norvegese dei Subwoolfer che, con le sue maschere gialle e il completo nero, ieri pomeriggio ha fatto ballare sotto la pioggia i torinesi in piazza Vittorio sulle note di “Give that wolf a banana”, affiancata dai lettoni Citi Zeni, è solo un assaggio di quello che sta per accadere in città con l’Eurovision. Non soltanto musica, ma un vero spettacolo, il più grande evento tv non sportivo, che oggi inizierà ufficialmente con la cerimonia di apertura alla Reggia di Venaria dove verrà steso il Turquoise Carpet. Sui 200 metri quadrati del tappeto più ambito da qualsiasi musicista, proprio dove lo scorso anno iniziò l’avventura dei Maneskin, sfileranno tutte e 40 le delegazioni che da lunedì, poi, daranno spettacolo al Pala Olimpico tra prove aperte al pubblico e le dirette su Raiuno delle due semifinali (10 e 12 maggio) e della finalissima (14 maggio). Si tratta di una cerimonia blindatissima e rigorosamente a inviti che, però, sarà possibile seguire in streaming su Raiplay a partire dalle 16. Ad aprire le danze sarà l’Albania, seguita da Malta, rappresentata dalla beniamina di “Amici” Emma Muscat, e poco dopo da San Marino con Achille Lauro. Come da copione, l’Italia, paese ospite, chiuderà con Mahmood e Blanco. E c’è da immaginare che anche in questa occasione il giovane Blanco darà spettacolo così come ha fatto ieri al Pala Olimpico per la sua prima prova di “Brividi”. «Non fateci caso se straparlo – ha detto ai giornalisti – mi sono alzato alle otto questa mattina, cercate di capire… Sono felice di essere qui, io e Mahmood vogliamo solo divertirci, come cerchiamo di fare ogni giorno. Insieme ci completiamo: se lui è triste, io sono allegro. Tranne stamattina, siamo tutti e due arrabbiati» ha scherzato ancora. Non ce la fa proprio a stare serio, non lo è stato neppure mentre entrava nel palazzetto scavalcando con un balzo l’ultimo tornello. «Io consigli a Blanco? – ha detto Mahmood al quale è poi scapato un rutto in diretta stampa finito, ovviamente, sui canali virali. Ma anche questo è il bello della diretta – in realtà è lui che li deve dare a me… No, al massimo gli ho parlato della sauna dell’hotel (il Golden Palace, ndr)». Lo spirito di festa e divertimento si è respirato anche a tu per tu con gli altri Big Five ieri alle prove, con la strepitosa e sexy Chanel per la Spagna, con il rapper tedesco Malik Harris, con i francesi Alvan & Ahez e soprattutto con lo scatenato inglese Sam Ryder in gran forma, pronto a rincorrere quella vittoria sfuggita lo scorso anno. Nonostante, l’Ucraina sia favoritissima, e le ragioni sono ovvie, così come l’Italia o la Svezia, tutto può ancora accadere durante la settimana che sta per aprirsi.

Questi brani, dal rock, al folk, passando per l’elettronica, diventeranno tormentoni nella mente e nel cuore delle persone trasformandosi nella colonna sonora più inaspettata e indelebile per Torino e per l’Italia, dove, fino a dieci anni fa (quando nel 2011 con Raphael Gualazzi il Belpaese tornò all’Eurovision) neppure si sapeva cosa fosse questo enorme carrozzone fatto di musica e show pronto a invadere, oltre che la tv, l’intera città.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Sportegolando
LA RUBRICA
Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo