belotti lukic toro derby gn
Sport
TORO A DIGIUNO

Due gol in due partite non bastano a Belotti: ora vuole una vittoria

Due gol segnati in due partite, ma zero vittorie conquistate: così Andrea Belotti vuole riprovarci anche a Bologna. Nel derby contro la Juventus e nel capitombolo interno contro il Cagliari sono state gioie soltanto a metà, adesso domenica pomeriggio cerca una nuova rete. Magari come quella del 2016, l’ultima che trovò al Dall’Ara e che coincide con l’ultimo successo del Toro sul campo dei rossoblù: un rigore a tempo scaduto in quello che fu il penultimo acuto di Gian Piero Ventura sulla panchina granata. Da quel giorno, Belotti e compagni non sono mai andati oltre al pareggio in trasferta a Bologna, collezionando quattro pareggi e una sconfitta nei successivi confronti. Ora il Gallo vuole il colpo grosso, anche perché è da troppo tempo che non riesce a festeggiare una vittoria sul campo: il momento migliore della formazione di Juric è coinciso con il suo lungo infortunio, l’ultimo successo in cui il capitano è stato protagonista è datato 22 novembre. Una settimana dopo si sarebbe fermato all’Olimpico di Roma, poi i due mesi e mezzo di stop, ora due sconfitte e un pareggio tra Venezia, Juve e Cagliari. Il caso vuole, inoltre, che sui quattro gol realizzati in stagione da Belotti, soltanto in un’occasione sono arrivati i tre punti: risale al 3-0 rifilato alla Sampdoria, mentre alla prima di campionato la sua marcatura non servì per evitare la sconfitta contro l’Atalanta. Il Toro ha bisogno delle sue reti per ripartire, il Gallo necessita di alzare la cresta per trovare la convocazione in Nazionale. A fine mese gli azzurri di Mancini si giocheranno l’accesso ai Mondiali in Qatar, le quotazioni del 9 granata sono in crescita: le sue ultime apparizioni con l’Italia risalgono a novembre, quando l’Italia non riuscì a superare Svizzera e Irlanda del Nord ed ebbe la certezza di dover passare dai play-off per staccare il pass mondiale. E, sullo sfondo, resta sempre aperta la partita del rinnovo di contratto, con i tifosi che continuano a mostrargli segnali d’affetto. «C’è uno spiraglio perché Andrea è legato a questa maglia e a questa città, ma adesso è meglio parlarne il meno possibile» l’ultima uscita del dt Vagnati sulla vicenda. Una riapertura che però, al momento, non allontana il Milan da Belotti.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Sportegolando
RUBRICA
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo