movida droga gn
Cronaca
CHIERI

Droga nei luoghi della movida: denunciati cinque spacciatori

Vendevano hashish in piazza Caselli, già sotto accusa per schiamazzi e degrado

Ancora spaccio di droga a Chieri, nella “famigerata” zona dei locali in piazza Caselli: stavolta i carabinieri hanno denunciato cinque giovani, tutti residenti in città. Oltre che di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, sono accusati anche di rapina: si sarebbero sottratti la sostanza a vicenda, senza pagarla. È da settembre che i militari della Compagnia di Chieri tengono d’occhio piazza Caselli, considerata la sede dello spaccio di hashish e marijuana. Di certo è la zona più frequentata dai ragazzi chieresi per la presenza di tre locali e del centro giovanile Arka. Da tempo, infatti, i residenti lamentano schiamazzi, spaccio e degrado. L’episodio culmine è stato ad aprile, quando un abitante è stato aggredito dopo che aveva chiesto a un ragazzo di non urinare contro i muri. Il sindaco Alessandro Sicchiero è arrivato anche a chiedere una maggiore attenzione da parte delle forze dell’ordine. Gli appostamenti dei carabinieri avevano dato i primi frutti il 5 febbraio, quando erano stati fermati cinque giovani di Chieri. Uno era stato arrestato, due denunciati e altri due segnalati come consumatori. Poi erano stati sequestrati quattro etti di hashish. Dopo quell’operazione, i carabinieri hanno continuato a indagare: il 13 marzo hanno denunciato per spaccio un 21enne chierese e segnalato un 23enne come consumatore. Ora è scattata la denuncia per cinque presunti spacciatori tra i 25 e i 30 anni, due italiani e tre di origine romena: hanno l’obbligo di firma e il divieto di uscire di casa la sera. Sono tutti residenti a Chieri e sarebbero i “clienti” del 44enne di Ciriè fermato di recente con 1 chilo di hashish in auto. Lui è stato arrestato ma, a quanto pare, gli spacciatori chieresi avevano trovato altri fornitori.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo