negozi chiusi torino
News
LOCKDOWN

Dpcm, la conferma di Conte: il Piemonte è zona rossa. Ecco cosa resta aperto

Le nuove norme anti-Covid e la lista completa delle attività che non chiudono

Per effetto del nuovo Dpcm il Piemonte ripiomba a tutti gli effetti nel lockdown, appena meno stringente rispetto a quello in atto tra marzo e maggio. Ad annunciarlo è stato il presidente Conte in conferenza stampa. L’inclusione della regione nelle “zone rosse”, in cui sono applicate le limitazioni più incisive, costringerà infatti alla chiusura di numerose attività.

I PROVVEDIMENTI PER LA “ZONA ROSSA”
Vietato ogni spostamento (sarà necessaria l’autocertificazione, scaricabile qui), anche all’interno del proprio Comune, in qualsiasi orario. Chiusi bar e ristoranti (l’asporto sarà però consentito fino alle 22 e non ci sono restrizioni per la consegna a domicilio). Stop anche ai negozi, eccezion fatta per i beni alimentari e di necessità (come i supermercati). Didattica a distanza per le classi dalla seconda media in su e stop per le università. Sospese tutte le competizioni sportive, tranne quelle riconosciute da CONI e CIP: l’unica attività consentita sarà quella motoria nei pressi della propria abitazione ed in forma individuale. Restano chiusi musei, mostre, teatri e cinema insieme a centri scommesse, anche quelli nei bar o nelle tabaccherie. Per i mezzi pubblici consentito il riempimento solo fino al 50%.

Cosa resterà aperto? Ecco la lista completa.

–  Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari);

–   Commercio al dettaglio di prodotti surgelati;

–   Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche;

–   attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video;

–   elettrodomestici;

–   Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi;

–   specializzati (codici ateco: 47.2), ivi inclusi gli esercizi specializzati nella vendita di sigarette elettroniche e liquidi da inalazione;

–   Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati;

–   Commercio al dettaglio di apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4);

–   Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiali da costruzione (incluse ceramiche e piastrelle) in esercizi specializzati;

–   Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari;

–   Commercio al dettaglio di macchine, attrezzature e prodotti per l’agricoltura e per il giardinaggio;

–   Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione e sistemi di sicurezza in esercizi specializzati;

–   Commercio al dettaglio di libri in esercizi specializzati;

–    Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici;

–   Commercio al dettaglio di articoli di cartoleria e forniture per ufficio;

–   Commercio al dettaglio di confezioni e calzature per bambini e neonati;

–   Commercio al dettaglio di biancheria personale;

–   Commercio al dettaglio di articoli sportivi, biciclette e articoli per il tempo libero in esercizi specializzati;

–   Commercio di autoveicoli, motocicli e relative parti ed accessori;

–   Commercio al dettaglio di giochi e giocattoli in esercizi specializzati;

–   Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica);

–   Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati;

–   Commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in esercizi specializzati;

–   Commercio al dettaglio di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti;

–   Commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati;

–   Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia;

–   Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento;

–   Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini;

–   Commercio al dettaglio di articoli funerari e cimiteriali;

–   Commercio al dettaglio ambulante di: prodotti alimentari e bevande;

–  ortofrutticoli;

–  ittici;

–  carne;

–  fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti;

–  profumi e cosmetici;

–  saponi, detersivi ed altri detergenti;

–  biancheria;

–  confezioni e calzature per bambini e neonati;

–  Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet, per televisione, per corrispondenza, radio, telefono;

–  Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici

–  Pompe funebri

– Servizi di parrucchiere e barbiere

– Lavanderie e tintorie

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo