mostre torino
Spettacolo
Benappi, Arcuti, Febo e Dafne e le altre riaccendo Artissima e Flashback

DOV’ERAMO RIMASTI. Le gallerie riaprono mostre e shopping

Gioia fra i gestori anche se i lockdown hanno fatto perdere fino all’80%

Il quadro antico che ti toglie il fiato per i suoi colori, la perfezione, il valore incommensurabile che emana a ogni tratto. La scultura contemporanea così strana da affascinare lo spirito perché frutto di una genialità rara. Il piacere, finalmente, di ammirare dal vivo l’arte. Quell’arte che un mese fa si era spenta proprio all’alba della settimana più importante per Torino, ossia quella legata ad Artissima e a Flashback, e che grazie alla riapertura delle gallerie torinesi da domenica, da quando il Piemonte è tornato in zona arancione, si ripropone “in carne e ossa”. In attesa dei grandi musei, ancora chiusi, forse e purtroppo, anche durante le festività natalizie, un assaggio dal sapore di un’abbuffata per tutti i famelici d’arte si può avere grazie alle gallerie torinesi. «Finalmente si riapre, le opere che sono rimaste “solitarie” per un mese riprendono a vivere per tutti», spiegano dalla Febo e Dafne di via Vanchiglia 16 dove proprio i primi di novembre si era inaugurata la mostra di Pier De Felice “Assemblages”, prorogata fino al 9 gennaio.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo