Foto Depositphotos
Cronaca
IL CASO

Doping a cavalli: sequestrata una scuderia nel pinerolese, deferiti i titolari

Le indagini dei carabinieri del Nas: nei guai una importante azienda ippica della zona di Pinerolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Doping ai cavalli: una scuderia in provincia di Torino è stata sequestrata e i titolari del maneggio deferiti all’autorità giudiziaria con l’accusa di maltrattamento di animali, esercizio abusivo della professione medica e frode in competizioni sportive. E’ successo nel Pinerolese.

LE INDAGINI
L’importante azienda ippica, che attualmente ha in gestione circa 60 animali, è stata posta sotto sequestro dai Nas di Torinoo. Le indagini hanno avuto origine nell’autunno del 2020, quando, in occasione di un concorso ippico nazionale, furono eseguiti prelievi dei liquidi biologici ai quattro cavalli vincitori, tutti riconducibili alla stessa scuderia.

LE ANALISI
Dalle analisi di laboratorio sui campioni è stata riscontrata la presenza di diverse sostanze farmacologicamente attive, tra cui antinfiammatori, sedativi, antiipertensivi, diuretici, somministrate agli animali senza prescrizioni mediche.

DEFERITI I TITOLARI
In più, in quella occasione, all’interno e in prossimità dei box di stazionamento dei cavalli, furono rinvenuti alcuni dispositivi per l’inoculazione, e diversi medicinali per uso veterinario, il cui solo possesso in occasione degli eventi agonistici è vietato dai regolamenti della Federazione Italiana Sport Equestri e dalla Federazione Equestre Internazionale. I titolari del maneggio sono stati così deferiti all’Autorità giudiziaria.

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo