LE NUOVE NORME

Da domani il Piemonte è “arancione”: negozi aperti e scuole medie chiuse

Cirio: «Non possiamo sprecare i nostri grandi sforzi e permetterci di tornare indietro»

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato nella tarda serata di ieri, l’ordinanza che declassa il Piemonte (con Lombardia e Calabria) da zona rossa ad arancione. Una decisione che ha trovato l’unanimità dell’intero consiglio dei ministri dopo una lunga trattativa con le Regioni.

L’ha sputanta l’ala rigorista del Governo (Boccia, Franceschini e Speranza) che ha posto limiti moto rigidi per chi vive nei territori a più alta densità Covid. Le nuove norme saranno in vigore a partire dalla mezzanotte di oggi e sulla decorrenza dell’ordinanza è andato in scena l’ultimo “braccio di ferro”.

I governatori chiedevano l’automatismo, «peraltro contenuto nell’ultimo Dpcm», mentre Speranza avrebbe voluto rimandare il tutto a lunedì; è stato il premier Giuseppe Conte a proporre la domenica, considerando che, viste le nuove norme, nei fatti, nulla cambierà da quelle varate con la zona rossa, fino all’inizio settimana. Infatti, l’unica autentica novità, la riapertura dei negozi, non potrà essere attuata prima di lunedì.

CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE OGGI IN EDICOLA

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single