Fabio Ravanelli, numero uno di Confindustria
Cronaca
L’INTERVISTA

«Dobbiamo fare ripartire le industrie o qui esploderà una bomba sociale»

Il presidente di Confindustria Ravanelli: «Anche al minimo, ma gli stabilimenti devono produrre»

Una bomba a orologeria pronta a esplodere. Lancia l’allarme il numero uno di Confindustria Fabio Ravanelli guardando con terrore al prolungarsi del lockdown, e avvisa che gli effetti si vedranno al termine dell’emergenza, tra le macerie. «La macchina dell’industria deve ripartire» è l’assunto dal quale parte il ragionamento Ravanelli. Fosse anche con il motore al minimo, con regole più ferree da rispettare, con produzioni ridotte, ma così non si può andare avanti e gli imprenditori piemontesi sono disposti a nuovi sacrifici pur di salvarsi.

Presidente Ravanelli, quanto ci costa il protrarsi della serrata fino a dopo Pasqua?
«Stimiamo una perdita settimanale di circa 2-3 miliardi di fatturato con l’attuale assetto delle aperture. Per il mese di aprile il deficit dovrebbe aggirarsi intorno ai 5 miliardi, calcolando che il Piemonte ne perde più o meno 10 al mese con l’apertura limitata delle fabbriche».

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo