NomadiViaMonteverdi
News
VIA MONTEVERDI I camper hanno occupato ancora una volta i parcheggi

Divelte le porte anti carovane. E i nomadi tornano in Barriera

Un gruppo di camminanti si è insediato davanti all’ex ufficio postale

I parcheggi di via Monteverdi sono tornati nuovamente sotto il controllo delle carovane dei camminanti. Dalla scorsa settimana un nutrito gruppo di nomadi ha deciso di insediarsi proprio davanti all’ex ufficio postale. E quello che si presenta davanti agli occhi dei cittadini ha quasi del surreale.

Passeggiando nei pressi dell’area si possono notare le roulotte e i furgoni, trasformati in appartamenti, posizionati uno accanto all’altro. Di giorno se ne vedono pochi, tre o quattro all’incirca. Ma è la sera che posteggiare l’auto diventa praticamente impossibile. L’ennesima occupazione del suolo pubblico della circoscrizione Sei ha creato i soliti malumori tra i residenti e i commercianti, memori delle recente occupazioni abusive.

«Siamo contrari a queste occupazioni illegali che si susseguono una dietro l’altra – dichiara Alessandro, un residente – e vogliamo lo sgombero immediato dei rom in quanto quello che sta accadendo viola le ordinanze vigenti sul nostro territorio. Chiediamo un intervento immediato delle forze dell’ordine che, a causa di queste carovane, sono continuamente costrette ad un lavoro massacrante».

Un problema anche per la presidente della circoscrizione Sei, Carlotta Salerno, che in passato si era spesa molto per chiedere un intervento. «La situazione del parcheggio di via Monteverdi – continua Salerno – è tristemente nota tanto che i camper si ripresentano nell’area con periodicità. Ogni volta la municipale e la polizia intervengono ed evitano che la presenza si prolunghi nel tempo. Già ad ottobre avevo chiesto alla direzione Infrastrutture di riposizionare la sagoma limitatrice in altezza, che di fatto impedirebbe l’accesso ai veicoli di altezza superiore a due metri. Non ho ricevuto risposta, motivo per cui ho rinnovato la richiesta».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo