Il quartiere Barca resta senza pediatra
News
VIA DAMIANO CHIESA

IL DISAGIO. Barca resta senza pediatra, mamme sulle barricate

Il medico ha chiuso lo studio per trasferirsi a Lucento

Torino. L’ingresso chiuso per l’ultima volta lo scorso 27 gennaio ha buttato nello sconforto il quartiere. L’addio del medico pediatra di base al quartiere della Sesta circoscrizione ha convinto il comitato mamme di Barca e Bertolla ad organizzare una raccolta firme per chiedere il ripristino del servizio. Una protesta messa in atto con la chiusura dello studio di via Damiano Chiesa 13, che da tempo era attivo solo più due giorni a settimana. Il dottore, per motivi di servizio, si è trovato costretto a chiudere uno dei due ambulatori, tenendo aperto soltanto quello di via Lemie, che si trova nel quartiere Lucento. Certo, a diversi chilometri di distanza da zona Barca. E quello della lontananza è proprio uno dei motivi che ha convinto la cittadinanza a protestare.

ISOLATI. «La particolare geo-localizzazione dei nostri due quartieri – spiega Simona Cella, una delle prime firmatarie -, ci isola dal resto della città. Ora non abbiamo più un pediatra e se i nostri figli stanno male dobbiamo correre in un altro quartiere per trovarne uno disponibile». O, in alternativa, recarsi a San Mauro o a Settimo Torinese. Opzioni che non piacciono per niente alle mamme. Molte di loro non hanno una macchina e non possono certo affrontare un viaggio con un bimbo malato in autobus. «Senza contare che qui si apre un’altra ferita – continua Simona -. Abbiamo giusto due linee, il 27 e il 57, che passano anche poco».

DOVE FIRMARE LA PETIZIONE. Resta la richiesta alla Città di attivarsi per aprire un altro ambulatorio in zona, accessibile a tutti. In modo da supportare i numerosi bisogni delle famiglie dei due quartieri, che non possono certo recarsi in Barriera o nel Regio Parco in caso di urgenze. Chi volesse firmare la petizione può recarsi nei seguenti punti: la farmacia Sant’Agnese, l’eliocopisteria la Barca, la cartoleria Bimbyshoop, la panetteria di Agata.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo