Mario D’Antino risiede in strada della Verna
News
STRADA DELLA VERNA

Disabile agli arresti domiciliari: «Cortili e case cadono a pezzi»

Mario minaccia lo sciopero della fame: «Stop alle barriere»

Si è fatto portavoce del disagio delle circa cento persone che vivono nel complesso di case Cit del quartiere Bertolla. E adesso, per far valere i diritti – suoi e quelli degli altri inquilini – il battagliero Mario D’Antino si dice pronto persino a fare lo sciopero della fame. Lui, che di battaglie nella sua vita ne ha intraprese tante nonostante i suoi problemi di salute, ora protesta contro le difficili condizioni in cui versano le abitazioni di edilizia sociale di strada della Verna.

Un complesso di edifici costruiti intorno agli anni ’80 poco oltre il fiume Stura che ospitano, in larga misura, famiglie con persone disabili. Proprio come Mario, diventato cieco a causa di una grave forma di diabete e costretto dal 2002 a vivere su una sedia a rotelle. Sessantacinque anni, Mario abita in un appartamento al pian terreno al civico 20 insieme alla compagna e al figlio Simone. Ci abita da cinque anni, ma il naso fuori lo mette di rado. «E non potrei fare diversamente – sbotta -, perché i vialetti sono un colabrodo».

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo