allianz stadium
Sport
RICORRENZA

Dieci anni di Allianz Stadium: tutti i numeri di casa Juventus

L’8 settembre 2011 l’evento che ha inaugurato l’impianto

Otto settembre 2011, 8 settembre 2021. Domani saranno dieci anni di Juventus, poi Allianz, Stadium, primo stadio di proprietà di una squadra di calcio in Italia. Oltre 41mila i posti a sedere, uno stadio concepito dalla società bianconera come impianto da vivere sette giorni su sette, grazie a una serie di attività collegate all’impianto nato dalla ceneri dell’ex stadio Delle Alpi. Certo, con l’avvento della pandemia, c’è stato un forte rallentamento anche della vita all’esterno dell’Allianz, ma tutto ciò che ruota attorno a corso Gaetano Scirea e zone limitrofe ha permesso di accrescere il fatturato della società nell’arco di un decennio. Non ci sono stati, infatti, solo gli incassi da stadio. Accanto all’Allianz, infatti, sono nati il J Medical (centro diagnostico bianconero aperto a tutti), il J Museum (museo che ospita i trofei e i cimeli della Vecchia Signora; con relativo tour dello stadio) e lo Juve Store. Tutto attorno, poi, sono nate delle attività commerciali, in primis Area12. E domani saranno già dieci anni di Stadium, la casa dolce casa della Vecchia Signora, dove tanti sono stati i successi, poche – a volte cocenti – le delusioni. Inaugurato l’8 settembre con una partita amichevole dal sapore storico contro il Notts County (1-1 il finale; gol bianconero di Luca Toni), casa Juve è stata per anni, grazie anche alla spinta dei tifosi, un fortino inespugnabile. Basta guardare le statistiche che la riguardano per capirlo. La Juve ha sempre costruito in casa le vittorie dei nove scudetti di fila. In 260 partite ufficiali in tutte le competizioni (Serie A, Champions e Coppa Italia), sono state 204 le vittorie, 40 i pareggi. Solo 16, invece, le sconfitte. A fronte di 555 gol fatti e 164 subiti. Ora l’obiettivo di Allegri (da oggi si torna al lavoro alla Continassa) è quello di farlo tornare a essere fortino. In troppi, ultimo l’Empoli, sono riusciti a espugnarlo. E’ ora di riedificare il muro.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo