Valentina
Cronaca
UN GIALLO DAL PASSATO

DELITTO DI MONCALIERI. Parla la sorella di Valentina: “Sono contenta, è stata fatta giustizia”

Agnese Andriani sulla morte di Umberto Prinzi, l’uomo che nel 1995 uccise la sorella: “Aveva una testa malata, probabilmente era ancora in qualche brutto giro”

“Sono contenta. E’ stata fatta giustizia: lui ha fatto fare quella fine a Valentina e ora qualcuno ha fatto fare una fine peggiore a lui”. Agnese Andriani è la sorella di Valentina, la trans uccisa nel 1995 da Umberto Prinzi. Lo stesso uomo a sua volta ammazzato ieri a Moncalieri.

Un delitto sul quale stanno indagando i carabinieri del nucleo investigativo. “Non ho idea di chi l’abbia ucciso – spiega Agnese -. Secondo me non è un delitto legato a Valentina. Quell’uomo aveva una testa malata e probabilmente era ancora in qualche brutto giro”.

Agnese Andriani non vive più a Torino, è tornata in Puglia con tutta la famiglia dopo la fine del processo contro Prinzi. Un processo nel quale, assistita dall’avvocato Lorenzo Zacchero, aveva anche ottenuto un cospicuo rimborso. “Di quei soldi, però, non abbiamo mai visto una lira. Prinzi non ha mai pagato e non ci ha neanche mai chiesto perdono.  Non sapevamo neanche che fosse già uscito di prigione. Quando ho saputo che era stato ucciso sono rimasta di stucco e all’improvviso ho rivissuto il dolore di 20 anni fa. Però sono contenta, è stata fatta giustizia”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo