Immondizia
News
IL CASO Maglia nera per Aurora e Parella. L’Amiat: «Piegate bene il cartone»

Del Natale restano i rifiuti: disagi soltanto in periferia

Immondizia in calo dopo le feste rispetto passato: merito anche della campagna di sensibilizzazione?

La crisi colpisce anche a Natale e Santo Stefano. Così, rispetto agli anni passati, le tradizionali festività non hanno lasciato in dote strade e marciapiedi invasi dai cartoni. Con cestini vuoti e sacchi pieni di rifiuti ovunque. L’egregio lavoro di Amiat, combinato ad una maggior attenzione dei cittadini, ha portato disagi soltanto in qualche quartiere della periferia. Da Aurora, maglia nera, passando per San Salvario e Barriera di Milano. «Ma niente a che vedere con gli spettri dei Natali passati» ricorda un residente.

I giocattoli rotti e usurati, i vestiti passati di moda e i pacchetti dei regali sono così diventati i nuovi padroni delle vie e dei marciapiedi solo in alcune vie. In corso Brescia, per esempio, in via Camino, via Carmagnola, via Lodi e in corso Giulio Cesare. Qualche problema anche in via Ivrea, al Rebaudengo, e in corso Marconi.

Dopo i festeggiamenti anche le strade della circoscrizione Quattro si sono riempite d’immondizia. I cassonetti e i cestini, ieri, strabordavano di rifiuti di ogni tipo, e lungo i marciapiedi erano disseminati gli avanzi delle cene e dei pranzi natalizi. Come nel viale di corso Appio Claudio, dove si è formato un vero e proprio tappeto di sacchetti di plastica e tovagliolini di carta. Una situazione pressoché analoga nelle vie limitrofe, dove si potevano trovare anche numerosi scatoloni di cartone, gettati dagli incivili dopo il consueto scambio di doni.

È la sporcizia a farla da padrona anche in centro città, dove non c’è la raccolta differenziata porta a porta. In via Fratelli Calandra, ad esempio, sono state abbandonate numerose bottiglie di vino e spumante vicino ai cassonetti, e nei giardini Cavour qualcuno ha lasciato dei sacchi della spazzatura pieni di avanzi di cibo. Da Amiat comunicano che «ieri, dopo la pausa natalizia, è ricominciata la raccolta rifiuti coi turni regolari, ma è ancora presto per fare un bilancio».

In particolare per capire se la campagna pubblicitaria di sensibilizzazione, indetta da Amiat, e pubblicata anche sul nostro giornale, abbia avuto gli esiti sperati. «È necessario – spiegano da Amiat – piegare e pressare sempre bene il cartone degli scatoloni negli appositi contenitori. In questo modo i rifiuti occupano minor spazio, e noi abbiamo il tempo di raccoglierli prima che si accumulino sui marciapiedi».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo