Foto di repertorio (Depositphotos)
Cronaca
LE NORME

Decreto anti-Covid, cosa cambia: nessuna zona gialla, obbligo vaccini per sanitari

Le regole per il mese di aprile: spostamenti limitati, scuole dalla prima media in giù aperte anche in zona rossa

Il Cdm ha approvato il nuovo decreto anti Covid che avrà validità a partire dal prossimo 7 aprile, subito dopo Pasqua, e fino al 30 aprile. Diverse le novità, ma una certezza: per tutto il mese in Italia le Regioni si coloreranno solo di arancione o rosso, e nessuna di giallo (o bianco).

GLI SPOSTAMENTI
In virtù di ciò, gli spostamenti restano estremamente limitati al proprio Comune di residenza. Resta comunque sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio (e nelle seconde case), mentre in zona arancione sarà possibile anche uscire di casa dalle 5 alle 22. Visite ad amici o parenti permesse in zona arancione, ma solo una volta al giorno e con un massimo di due persone oltre ai conviventi: la raccomandazione resta però quella di indossare in ogni circostanza la mascherina e di mantenere le distanze. Obbligo di quarantena di 5 giorni per persone di rientro dagli Stati membri Ue e tampone alla fine della quarantena.

SCUOLA
Importante novità per quanto riguarda le scuole: asili, elementari e prima media potranno tornare in presenza dal 7 aprile, anche in zona rossa. Le modalità resteranno quelle precedentemente adottate, con turnazioni di un 50/75% di studenti in presenza ed il resto tramite Dad.

OBBLIGO DI VACCINAZIONE PER MEDICI E SANITARI
Si studia anche la possibilità di imporre l’obbligatorietà del vaccino anti Covid per medici e per tutti i sanitari: per chi lo rifiuta è previsto lo spostamento a mansioni (anche inferiori) o la sospensione dall’attività senza retribuzione. Tra le altre novità in questo campo anche quella dello scudo penale per il personale che somministra le dosi: sarà esclusa la punibilità per omicidio colposo e lesioni personali colpose.

CONCORSI PUBBLICI
Dal 3 maggio consentito, invece, lo svolgimento dei concorsi pubblici con modalità semplificate.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo