Bremer (Foto: Depositphotos)
Sport
TESORETTO TORO

Dalla Premier alla A, tutti pazzi per Bremer. E Cairo deve blindarlo

L’asta sta per partire, Gleison Bremer fa gola a molti. E hanno anche ragione, considerando le prestazioni che sta offrendo il brasiliano: la sua è un’ascesa continua, il presidente Cairo si frega le mani. In casa ha un vero e proprio tesoretto, un giocatore che nel 2018 è stato pagato meno di sei milioni di euro (uno degli ultimi regali di Petrachi) e che oggi ha moltiplicato per cinque la sua valutazione. Già, perché pur avendo il contratto in scadenza a giugno 2023, da via Arcivescovado possono permettersi di chiedere una cifra intorno ai 30 milioni per Bremer. Le sensazioni per un eventuale rinnovo restano fredde, anche se i recenti risultati della squadra, con il progetto Juric che sembra appena agli inizi, potrebbero far cambiare idea al brasiliano. Intanto, però, c’è già chi bussa alla porta dell’editore alessandrino per iniziare a tastare il terreno. In Inghilterra interessa al Newcastle, in Italia ci sono tutte le big sulle tracce del centrale: Inter, Milan e Juventus, l’asse Milano-Torino può scaldarsi. Perché tra i nerazzurri può salutare De Vrij e Bremer ha dimostrato di essere un gran centrale da difesa a tre, anche se bisognerà capire lo stato delle casse di Zhang che già l’anno scorso ha dovuto optare per una pesante spending review. Dall’altra parte del Po, invece, mai come in questa stagione si stanno rendendo conto che è necessario un ricambio generazionale: Chiellini sta arrivando al capolinea, Bonucci non garantisce più 40 gare all’anno, De Ligt può partire e Rugani è troppo poco per chi vorrebbe giocarsi Champions e campionato. È con il Milan, però, che possono intavolarsi i discorsi più interessanti, con i rossoneri che hanno liquidità. E poi ci sarà da discutere di Pobega, al momento in prestito secco, e di Pellegri, ultimo profilo monitorato per l’attacco di Juric. Il figlio dell’attuale team manager granata è finito nel mirino di Vagnati, ma solo ed esclusivamente se riuscirà a piazzare Zaza. Per Lazetic, altra pedina offensiva, è stata rifiutata l’offerta: la Stella Rossa non ha accettato gli oltre quattro milioni messi sul piatto. Ma il calciomercato è ancora lungo.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo