IN MONTAGNA

Dal Sestriere Film al Gran Paradiso. I Festival del cinema ad alta quota

Nel weekend il finale al Colle. Continua il festival che assegna lo Stambecco d’oro

Il Sestriere Film Festival è giunto alla decima edizione.

L’estate dei festival di cinema è ormai da tempo caratterizzata dal proliferare di eventi legati alla montagna, con le Alpi inevitabilmente spesso al centro della scena.
Nato da pochi anni ma già evento immancabile per i vacanzieri, il Sestriere Film Festival vedrà la sua conclusione in questo fine settimana. Per quanto riguarda le proiezioni, quest’anno è stata organizzata una sezione dal titolo “Storie di donne. Storie di alpiniste”, che prevede oggi il documentario “La congenialità” e, soprattutto, domani
l’interessante “È pericoloso sporgersi” di Robert Nicod, che nel 1985 immortalava le gesta delle prime ragazze che praticavano il ”free climbing” sulle pareti verticali del Verdon, Catherine Destivelle e Monique Dalmasso.
Ad arricchire il programma alcune passeggiate con guide alpine e istruttori di nordic walking nei dintorni di Sestriere (mete previste: oggi Borgata, domani Fraiteve e Monterotta, domenica il rifugio Alpette). Proprio alle Alpette si terrà il gran finale
che, come ogni anno, sarà un concerto. Quest’anno il suo titolo è “Spirit”, eseguito dalla soprano Silvia Lorenzi con l’accompagnamento al pianoforte del Maestro Stefano Gatti.
E se proprio ieri sera il Cervino Cinemountain, giunto alla 23esima edizione e in programma sulle montagne della Val d’Aosta, ha visto calare il suo sipario per il 2020, continuerà a svolgersi fino al 22 del mese nei comuni del Parco il Gran Paradiso Film Festival, arrivato alla stessa “età” del suo omologo.
Così ha presentato questa edizione la direttrice artistica, Luisa Vuillermoz: «L’emergenza sanitaria in corso ci ha imposto nuovi strumenti e narrazioni, per continuare a raccontare la
straordinarietà della Natura del Pianeta».
Chiusa ieri sera a Valsavarenche la prima parte del programma, ricca di film e incontri, il nuovo appuntamento è fissato per martedì 18 agosto a Rhèmes-SaintGeorges: in programma sei lavori di Corto Natura e in serata un
evento speciale, il doc “The Elephant Queen” di Mark Deeble e Victoria Stone, narrazione cinematografica della vita di una “matriarca elefantessa”.
Finale a Cogne il 21 e 22 agosto con un omaggio in musica a Ennio Morricone, un dialogo con l’economista Enrico Giovannini sui temi della sostenibilità dopo la pandemia e la premiazione con la consegna dello Stambecco d’Oro.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single