salemi
Gossip
Una influencer per Meloni

Dal GF Vip alle donne iraniane: Giulia pronta per la politica…

Momento d’oro nella vita personale e pubblica di Giulia Salemi

Momento d’oro nella vita personale e pubblica di Giulia Salemi. La sua presenza al Grande Fratello Vip 7 come esperta di social è molto apprezzata dal pubblico e suscita anche invidie (come quella di Sonia Bruganelli), di recente è stata la star del Parlamento italiano, la storia d’amore con Pierpaolo Pretelli nata al GF di due anni fa funziona benissimo.

Cosa manca quindi per completarla? Giusto le nozze, un tormentone che avavanti almeno dalla scorda estate perché sembrava che i due ragazzi fossero pronti. Ma la proposta per ora non è arrivata anche se il suo compagno, ospite di “Verissimo” ha confermato che sta andando tutto benissimo. «Viviamo questa convivenza in cui siamo entrambi molto impegnati. A volte ci sono dei battibecchi, ci sono delle cose che stiamo sistemando, ma l’amore c’è».

Manca invece un impegno per la vita, anche se Pierpaolo è felice del rapporto che si è creato tra Giulia e suo figlio Leo, avuto dalla relazione con la modella Ariadna Romero: «Giulia, in questo, è di una maturità disarmante. Lei rispetta il mio essere padre, il mio essere legato alla famiglia che avevo creato. Il fatto che ci sia serenità con Ariadna era il mio sogno».

Parole che fanno sognare i fan. E maturità che fa sognare Giorgia Meloni, che sta pensando alla Salemi come testimonial sì, ma per una compagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne. Il 25 novembre scorso l’influencer è stata invitata alla Camera dei deputati per intervenire sull’argomento «In questi mesi mi sono esposta per tenere alta l’attenzione sulla violenza – ha detto nel suo discorso – e sulla durissima repressione che le donne iraniane stanno subendo. Quello che noi facciamo oggi è tenere accesa la luce sulla data del 25 novembre per ricordare che esiste la violenza sulle donne e che questa violenza va combattuta nella vita di tutti i giorni».

Una storia che conosce benissimo perché sua madre Fariba scappò da Teheran nel 1978 durante la rivoluzione islamica. Ecco perché la Premier ora, secondo il settimanale “Oggi” la vorrebbe come testimonial di una nuova campagna di sensibilizzazione per combattere le discriminazioni di genere.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo