salone cibi
Tempo Libero
GLI APPUNTAMENTI

Dai sapori alla città che si trasforma: viaggio tra le prelibatezze del Salone

Oggi si parla anche di mais, castagne, pascoli, integrazione e carne di Fassone

Dalla conferenza sulle “città che cambiano” alle degustazioni di miele: c’è di tutto tra i circa 700 eventi gratuiti che si possono scoprire a Terra Madre Salone del Gusto. Dopo l’inaugurazione di ieri, spazio agli appuntamenti più curiosi che si possono “incrociare” in questi giorni a Parco Dora. A partire da oggi: già alle 10, orario di apertura, partono gli Speed Honey Date, assaggi veloci di miele con esperti degustatori. Poi, alle 12,30, i membri della rete Slow Food svelano Tutto quello che si può fare con le castagne. Protagoniste sono le ricette legate alla cultura delle Alpi e degli Appennini, oltre a quelle della comunità di Tambopata (Perù). Poco dopo, alle 14, scatta la Food Talk sulle storie e le tradizioni del mais in Argentina, Messico, Perù e Bolivia: a condurre Dove il mais è cibo, vita, sacralità e resistenza, c’è Karina Ocampo, giornalista e autrice del libro “La ruta del maìz”. Alla stessa ora, nella cornice del vicino Museo A come Ambiente, viene presentata Slow Fiber, rete che raccoglie le aziende che propongono cotoni biologici o lane che provengono da allevamenti sostenibili. Sempre alle 14, nell’Area Piemonte, ci sono le storie di Come lo sviluppo rurale può cambiare la storia di un’azienda: protatgonisti Claudia Masera, imprenditrice agricola di Villastellone e Carlo Zaccaria, presidente del Consorzio Riso di Baraggia biellese e vercellese. Alle 14,30 si parla di Città che cambiano il proprio destino. Gli esempi di Taranto, Roma e Torino. Un esempio su tutti è la sede stessa della manifestazione, Parco Dora: l’assessora comunale alla Transizione ecologica, Chiara Foglietta, ne parlerà raccontando i quartieri nati dove una volta c’erano le fabbriche Fiat e Michelin. Spazio ai cibi fermentati alle 15,30: Non si butta. Si fermenta! si viaggia tra la Bulgaria e la sua trahana, una miscela fermentata di yogurt e cereali, e la Spagna, dove una squadra di giovani cuochi fermenta i cibi per non buttare via niente. Stesso orario per Sostenibilità nell’allevamento dei bovini di razza Piemontese, dove Coalvi presenta lo studio “Carne e salute”, con approfondimento sul Fassone e un assaggio di prodotti e di Freisa, vino piemontese premiato come Vitigno dell’anno 2022. A seguire, alle 16,30, scatta Salviamo i prati stabili e i pascoli, con i ricercatori dell’Università di Torino e Nicola Farinetti di Eataly. Alle 17, invece, sarà il turno di Youth & Food: si racconterà l’esperienza di 60 minori provenienti da Benin, Mali, Pakistan e Senegal, protagonisti di un percorso di inclusione attraverso il cibo a Torino e Agrigento.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo