DegradoSanPaolo
News
VIA BRACCINI L’appello della Circoscrizione 3: «Troppi tagli, difficile intervenire»

Dai bivacchi ai giochi rotti, il parco preda del degrado

Buche, asfalto danneggiato, rifiuti: e le attrezzature per i giovani sono ridotte davvero male

Risse e bivacchi. Ma anche canestri inutilizzabili e un campo da calcio che, quando piove, diventa preda del fango. È la situazione del parco di via Braccini, da anni prigioniero del degrado e dei problemi. Con buche, asfalto danneggiato, alberi da potare e giochi pericolosi. O peggio rotti.

Tra le vie Osasco e appunto Braccini, nel quartiere San Paolo, in pochi hanno voglia di sorridere. Delicata è soprattutto la situazione delle attrezzature per i giovani. I pochi giochi presenti sarebbero da mettere in sicurezza. Molti, invece, sono quelli finiti nel mirino dell’incuria. «I giardini sono molto trascurati e c’è anche il problema degli atti vandalici contro le auto» racconta una residente del quartiere.

Quello che succede in estate è noto ai più. Fino a notte inoltrata, infatti, i giardini diventano terra di conquista degli amanti di alcool, vino e birra. E riconoscerli non è così difficile. In una mano hanno la bottiglia, nell’altra quando va bene un bicchiere di plastica. Gli schiamazzi non permettono alle famiglie di riposare mentre al mattino tocca poi ad Amiat il compito di ripulire i tavolini da pic-nic da immondizia e bottiglie vuote.

«La sicurezza dei ragazzi che giocano nei parchi viene prima di tutto – continuano i residenti – per questo tornerò a chiedere un aumento dei controlli e, per iniziare, la messa in sicurezza dell’area». Basta fare il conto delle bottiglie di birra sparse vicino alla piastra per capire quale sia la situazione.

«Conosciamo lo stato dei giochi – spiega la coordinatrice all’Ambiente, Katia Ballone – ma purtroppo abbiamo avuto un altro taglio dalla sindaca. Con le poche risorse che abbiamo navighiamo a vista». Alcuni canestri, in realtà, sarebbero persino a disposizione. «Un anno fa – continua Ballone – l’assessorato ci ha fornito dei canestri, con il gancio e la retina da muro. Insomma non vanno bene per i tabelloni del parco».

Mentre per la questione bivacchi la circoscrizione Tre ha già provveduto a segnalare il caso all’Amiat. Sul lato dell’area cani, invece, capita anche di trovare per terra vetri rotti: il frutto delle irruzioni notturne dei topi d’auto.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo