volontari piazza paravia
Cronaca
PIAZZA PARAVIA

Da San Donato alla Crocetta: tornano in azione i volontari

La zona rossa non ferma i cittadini coinvolti nel progetto Co-City
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Tornano al lavoro gli “Amici di piazza Paravia”. Il gruppo di residenti, dopo un periodo di stop causato dalla pandemia, in questi giorni si è ricompattato per portare avanti le attività nell’ambito del progetto Co-City che ha visto i volontari darsi da fare nella cura delle aiuole, nella rimozione dei rifiuti abbandonati e nella cancellazione delle scritte vandaliche ultimamente ricomparse sui muri del parcheggio. «Con la zona rossa e la conseguente interruzione delle nostre attività la piazza non era più curata – spiega Pier Paolo Ramassa, uno degli “Amici” – e così, con l’autorizzazione dell’Ufficio Beni Comuni e della Circoscrizione 4, abbiamo deciso di rimetterci al lavoro». Una riqualificazione urbana ma anche socio-culturale. «Abbiamo coinvolto molte realtà del territorio nel patto di collaborazione – annuncia Ramassa – come la cooperativa San Donato che porta i ragazzi con disabilità a svolgere le loro attività educative in piazza, l’associazione Ecoborgo Campidoglio che proporrà letture e presentazioni di libri, la Banca del Tempo della Circoscrizione 4 e forse anche con il Mufant, il museo del fantastico di Torino con cui stiamo studiando progetti legati alla figura di Paravia, editore di Salgari, scrittore fantastico per antonomasia vissuto e morto a Torino». Ma sono tanti i volontari che continuano a operare in tutta la città a ritmi quotidiani. Nuove aiuole variopinte sono appena spuntate in piazza Crimea, in corso Regio Parco e sulla “collina delle mamme” alle Vallette. I residenti di Aurora si stanno prendendo cura delle dei giardini Alimonda, altri volontari si sono adoperati per ripulire le sponde del Parco Dora e l’area di corso Sommeiller. Le innumerevoli attività sono sostenute dai fondi del progetto Co-City e accompagnate dal Tavolo di progettazione civica e dagli uffici del verde centrale dell’assessorato all’Ambiente.

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo