flashback 6
Cultura
LE GALLERIE DEI SOGNI

Da Campi a Balla e Carol Rama: duemila anni di storia dell’arte

Manca davvero poco. Giovedì 3 novembre le porte del complesso di corso Lanza 75, in Borgo Crimea, si apriranno dalle 11 alle 20 sulla decima edizione di Flashback Art Fair e sulle sue gallerie disposte su tre piani, più quello terreno, di colori diversi: mattone, azzurro, ocra, verde. Qui ogni galleria, antica, moderna e contemporanea avrà una propria stanza.

Questi gli espositori presenti alla decima edizione di Flashback Art Fair, tutti selezionati sulla base di un impegno comune nella ricerca e volontà di riscoprire tecniche, opere artisti, provenienze sempre attuali: Abscondita | Arti Applicate, Roma (I); Aleandri Arte Moderna, Roma (I); Andrea Ingenito Contemporary Art, Napoli, Milano (I); Artemisia Fine Art, Dogana (RSM); Galleria Alessandro Bagnai, Foiano della Chiana AR (I); Studio d’Arte Campaiola, Roma (I); Galleria Arte Cesaro, Padova (I); Beatrice Burati Anderson Art Space & Gallery, Venezia (I) Benappi Fine Art, Londra (UK); Galleria Umberto Benappi, Torino (I); Biasutti & Biasutti, Torino (I); Botticelli Antichità, Firenze (I); Mirco Cattai Fine Arts & Antique Rugs, Milano (I); Glenda Cinquegrana Art Consulting, Milano (I) Galleria d’Arte Cinquantasei, Bologna (I); Galleria Del Ponte, Torino (I); Alessandra Di Castro Antichità, Roma (I); Miriam Di Penta Fine Arts, Roma (I); Galleria dello Scudo, Verona (I); Fondazione Quarto Potere-TorinoCronaca, Torino (I); Flavio Gianassi – FG Fine Art, Londra (UK); Galleria Gracis, Milano (I); Il Giornale dell’Arte, Torino (I); Lorenzo e Paola Monticone Gioielli d’Epoca, Torino (I); Galleria d’Arte Niccoli, Parma (I); Galleria Open Art, Prato PO (I); Galleria Orsi, Milano (I); Orsini Arte e Libri, Milano (I); Photo & Contemporary, Torino (I); Flavio Pozzallo, Oulx TO (I); Galleria d’Arte Roccatre, Torino (I); Galleria Russo, Roma (I); Secol Art di Masoero, Torino (I); Gian Enzo Sperone, Sent (CH); Untitled Association, Roma (I). Protagoniste assolute sono le opere che coprono 2.000 anni di storia e che, scandendo un ritmo enfatizzato dall’allestimento, si dispiegano al pubblico. Opere che pulsano tra sacro e profano come la “Fanciulchiara” di Giacomo Balla ritratto della figlia Elica, presentata da Aleandri Arte Moderna, il “Ritratto di gentiluomo” (1550/60ca.) di Antonio Campi della Galleria Orsi e la Madonna di Pozzallo/Botticelli. Il ritmo pulsante del racconto prosegue nell’astrazione dalle mille sfaccettature con le opere di Achille Perilli (Roccatre), Giorgio Griffa (Andrea Ingenito Contemporary Art), Emilio Vedova con “Senza Titolo” del 1958 (Galleria dello Scudo), solo per citarne alcune. E ancora opere di Herman Nitsch, Giovanni Antonio Bottione, Piero Gilardi, Carol Rama, Emil Lucas e tanti altri.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo