Cronaca

“Nelle protesi francesi prodotti chimici mai testati clinicamente”

“Il gel contenuto nelle protesi mammarie Pip era un miscuglio di prodotti chimici industriali, mai testati clinicamente per i loro effetti sull’organismo, tra cui anche un additivo per carburanti e due prodotti utilizzati nell’industria del caucciù”. Lo rivela la radio Rtl, spiegando che queste sostanze sarebbero state all’origine delle numerose rotture delle protesi.

«Dall’Affssaps (agenzia francese di sicurezza sanitaria) sapevamo che si trattava di un gel improprio, utilizzato piuttosto nell’alimentare e in informatica – spiega all’agenzia France Presse un medico consulente di un’associazione di donne portatrici di protesi Pip, Dominique-Michel Courtois – Non avremmo mai pensato che potesse contenere dell’additivo per carburanti; per questo chiediamo analisi delle protesi direttamente prelevate sulle pazienti». Le analisi finora realizzate, secondo l’associazione, si sarebbero infatti limitate a delle partite di protesi sequestrate durante una perquisizione dell’azienda nel marzo 2010. Ma, spiegano, «il mix forse variava a seconda delle partite», cosa che renderebbe necessarie analisi diffuse, anche al di fuori della Francia.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo