img_big
Cronaca

Manovra, oggi il voto di fiducia in Senato: Iva al 21%, contributo sopra i 300mila euro, interventi sulle pensioni delle donne

Il testo della manovra approvato domenica dalla Commissione bilancio del Senato cambia ancora. Il governo, il giorno dopo l’invito del presidente della Repubblica a varare “misure più efficaci”, ha deciso di porre la fiducia e apportare modifiche per quanto riguarda l’Iva e il contributo strordinario a carico dei redditi più elevati. Al termine del vertice tra il presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, e altri esponenti della maggioranza tenutosi a Palazzo Grazioli,  una nota di Palazzo Chigi ha fatto sapere che «il governo intende porre la fiducia sul testo commissione della manovra, con le seguenti aggiunte: aumento di un punto iva, dal 20 al 21, con destinazione del maggior gettito a miglioramento dei saldi del bilancio pubblico; fino al pareggio di bilancio, contributo del 3% sopra i 300mila euro; adeguamento delle pensioni delle donne nel settore privato a partire dal 2014». Giovedì, inoltre, il Consiglio dei Ministri approverà l’introduzione in Costituzione della «regola d’oro» sul pareggio di bilancio e l’attribuzione alle Regioni delle competenze delle Province.

«Bisogna fare in fretta», avrebbe detto durante la riunione dell’esecutivo il premier, Silvio Berlusconi. Un concetto ribadito da un comunicato diffuso dopo il Cdm in cui si parla della fiducia come di uno «strumento regolamentare necessitato per conseguire una celere conversione del decreto-legge, come impone la gravità del contesto internazionale di crisi finanziaria». Il voto finale sulla manovra al Senato è fissato per mercoledì.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo