IMG_6644
Cronaca
Rappresentazione sospesa alla fine del secondo atto: il pubblico invitato a lasciare la sala

Crolla scena al Teatro Regio di Torino, due coristi finiscono all’ospedale [FOTO]

Paura e tensione durante l’esecuzione della Turandot: trauma cranico per la donna contusa

Momenti di paura e tensione questa sera durante la recita della Turandot al Teatro Regio di Torino. Due artisti del coro, un uomo e una donna, sono rimasti feriti dal crollo di un elemento di scena, alla fine del secondo atto.

IN CODICE GIALLO

L’opera è stata interrotta e il pubblico invitato a lasciare la sala, mentre ai due malcapitati sono state prestate le cure del caso da parte del personale sanitario del 118. I coristi feriti (Ivana Cravero, 45 anni, e Marco Sportelli, 53 anni) sono stati trasportati in codice giallo in ospedale, la donna al Cto e l’uomo al San Giovanni Bosco. La prima ha riportato un trauma cranico, non commotivo, ed è sveglia e cosciente. Non particolarmente gravi le condizioni dell’uomo.

LE TESTIMONIANZE

“Si è chiuso il sipario e abbiamo sentito un tonfo, poi urla e un fuggi fuggi generale”, raccontano altri coristi di scena. “La paura è stata grande: abbiamo pianto”. Stando alle prime ricostruzioni, a colpire i coristi sarebbe stata una grande palla di polistirolo contenuta nella parte alta della scenografia. “E’ venuta giù la luna, una mezza sfera appoggiata su un vassoio tenuto da quattro tiranti. A cedere sembrano essere stati proprio questi ultimi”, la ricostruzione di Pierluigi Filania, orchestrale e rappresentante sindacale Fials. “Un incidente così non capitava da anni ma i controlli erano stati fatti. Chiederemo una relazione dettagliata su quanto accaduto”. L’opera è diretta dal maestro Gianandrea Noseda, per la regia di Stefano Poda.

IL DIRETTORE

In merito all’incidente è arrivata anche una dichiarazione di un portavoce del Teatro Regio: “Ci auguriamo non sia nulla di grave e che tutto si risolva nel migliore dei modi, come lascia auspicare il codice giallo. E’ da valutare se lo spettacolo domani sera potrà andare in scena, effettueremo tutte le verifiche del caso per capire cosa sia accaduto. Ora però ci preoccupiamo per i feriti”. “Parlano? Meno male…”, il primo commento del maestro Noseda, rincuorato dalle prime notizie provenienti dagli ospedali.

IL SOPRINTENDENTE

“Siamo davvero dispiaciuti”, ha fatto sapere il soprintendente Walter Vergnano, recatosi immediatamente in ospedale con la sindaca Chiara Appendino. “L’unica notizia buona è che i nostri coristi non sembrano in gravi condizioni”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo