aula tecnologia crollo
Cronaca
SAN MAURO

Crolla il controsoffitto alla Allende: paura nel laboratorio della scuola

L’incidente mentre erano in corso dei lavori per il cablaggio della fibra ottica

Saranno gli esiti degli accertamenti svolti da una ditta incaricata dal Comune a chiarire i motivi del crollo di parte del controsoffitto dell’aula di tecnologia della scuola Salvador Allende di San MauroIl distacco di alcuni pannelli è avvenuto intorno alle 17.15 di mercoledì mentre nel laboratorio al primo piano c’erano solo gli operai di una ditta incaricata di un intervento di cablaggio della fibra ottica. Difficile stabilire, in assenza di una relazione tecnica, se il distacco sia stato causato dall’intervento o se le cause siano da ricercare altrove.

«Sarebbe potuto accadere anche con i ragazzi nell’aula?», si chiedono molti genitori, alcuni dei quali si trovavano nel parchetto di fronte al momento dei fatti. A dare tutte le risposte saranno i risultati del sopralluogo tecnico che si è svolto sull’intero primo piano rimasto interdetto. Subito dopo il distacco, la sindaca Giulia Guazzora si è diretta presso l’istituto per una prima verifica, insieme alla dirigente scolastica e a quello dell’ufficio tecnico comunale. «Non abbiamo rilevato profili di rischio – sottolinea la sindaca – e pertanto non abbiamo ritenuto opportuno chiudere il plesso», così ieri mattina i ragazzi hanno fatto regolare ingresso a scuola (le classi sono al piano terreno). «L’aula interessata dal distacco è in fase di ripristino, ma le verifiche sono estese all’intero piano. Vogliamo conoscere le cause dell’incidente e soprattutto le condizioni di sicurezza all’interno dell’edificio. Non appena avremo informazioni dettagliate relazioneremo la commissione consiliare territorio». «È troppo presto per esprimersi su quanto accaduto in assenza di risultanze specifiche – interviene la consigliera di opposizione Paola Antonetto, attenta al tema -. Aspettiamo che l’assessore competente riferisca nel corso della prossima commissione».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo