trana
News
TRANA

Crolla il balcone della palazzina. Operai precipitano da sei metri

Un italiano e un romeno sono rimasti feriti ieri mattina in frazione San Bernardino

«Se sono vivi è un miracolo». È il commento che più di tutti si è sentito ieri mattina in frazione San Bernardino a Trana, dove davvero per un miracolo due operai non sono morti dopo il crollo di un balcone su cui stavano lavorando, in una palazzina in Borgata Merlo al civico 4.

L’allarme è scattato qualche minuto prima delle 9.45. I due operai erano impegnati nella posa di alcuni infissi quando, all’improvviso, il balcone del secondo piano è crollato, travolgendoli. Un volo di quasi sei metri, che ha fatto davvero temere il peggio per un italiano di 34 anni e il collega 50enne di nazionalità romena. Immediata la chiamata al 112, che ha fatto scattare la macchina dei soccorsi, con l’arrivo sul posto di carabinieri, ambulanze e vigili del fuoco. Gli operai sono stati presi in carico dal personale medico del 118, che li ha stabilizzati e successivamente trasportati al Cto.

Una volta arrivati all’ospedale di via Zuretti sono stati sottoposti a tutti gli accertamenti clinici del caso che hanno portato a una prognosi di 60 giorni per l’italiano che è poi stato dimesso in serata: sarà operato nei prossimi giorni ai legamenti del ginocchio. Il romeno invece è stato trattenuto in osservazione a seguito di un forte trauma cranico-facciale. In ogni caso, per fortuna, non sarebbe in pericolo di vita.

Mentre i familiari dei due operai si sono recati al Cto, in frazione San Bernardino a Trana continuavano le indagini da parte dei carabinieri della compagnia di Rivoli e degli ispettori dello Spresal dell’Asl To3, che ora dovranno effettuare tutte le verifiche del caso al fine di capire se fosse regolare la posizione lavorativa dei due operai, se i due abbiano o meno rispettato tutte le normative legate alla sicurezza nei luoghi di lavoro. L’area è stata sottoposta a sequestro, in attesa delle decisioni che verranno prese dalla procura di Torino.

I vigili del fuoco hanno dichiarato inagibile la stanza adiacente il balcone. Al momento del crollo in casa vi era una donna, rimasta incolume: gli altri due componenti della famiglia, vale a dire il marito e la figlia, non erano in quel momento in casa.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo