cowgirl
Spettacolo
160 ANNI DI ITALIA UNITA

Cowgirl contro i “cattivi” soldati sabaudi

Impazza in questi giorni sulle piattaforme “Il mio corpo vi seppellirà”. Il film di Giovanni La Pàrola ambientato nella Sicilia del Risorgimento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Che effetto fa, per una volta, essere dalla parte dei cattivi? Quando si parla di Unità d’Italia e di Risorgimento siamo abituati a sentire la versione ufficiale, che vede Torino e la casa reale dei Savoia decisive per far nascere il Paese in cui viviamo, i cosiddetti “buoni” della storia che sono riusciti nella loro preziosa missione. Da qualche giorno a noleggio su numerose piattaforme è visibile un piccolo ma interessante film di genere, un western al femminile ambientato nel 1860 e in cui questa visione è completamente ribaltata. Si intitola “Il mio corpo vi seppellirà” e lo ha diretto il siciliano Giovanni La Pàrola, con un cast ricco di volti noti tra cui Margareth Madé, lanciata da Tornatore con “Bàaria”, e Guido Caprino, già apprezzato nel ruolo di Pietro Bosco nella fiction “1992”, cui è affidato il ruolo del personaggio più perfido, dotato di un fortissimo accento torinese. Le truppe piemontesi sono spietate e per far contento il re Vittorio Emanuele II giungono al sud a fare giustizia, espropriando la cittadinanza locale dei terreni ed esigendo pagamenti insostenibili: chi si oppone viene dichiarato brigante e combattuto duramente. «Uno dei tanti motivi per cui mi sono calato in questa storia è stata per la tenace resistenza che i briganti hanno opposto all’occupazione sabauda, nonché lo stupore nel conoscere le figure delle brigantesse: donne crude e selvagge, come la terra del Regno delle Due Sicilie di fine Ottocento che ricorda per molti aspetti la frontiera americana raccontata nei film western», spiega il regista. A ll ’alba dell’Italia unita (di cui proprio in questi giorni, il 17 marzo, si sono festeggiati i 160 anni), un gruppo di agguerrite pistolere si impegna nella richiesta di un riscatto dopo aver rapito la figlia di un importante Barone, attirando però ancora di più l’o dio d el l’esercito piemontese. “Il mio corpo vi seppellirà” è un oggetto insolito nel cinema italiano, crudo e sanguinolento, girato con cura e professionalità. Nessuna speranza di redenzione, stavolta, per i Savoia e i loro soldati: per vedere un’al – tra versione della storia bisognerà attendere la fiction intitolata alla casa reale che non sarà pronta, però, prima del 2022.

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo