(foto: regione.piemonte.it).
News
LA DECISIONE

Covid, la nuova ordinanza: da lunedì Piemonte in zona arancione

Cirio: “Purtroppo serve un nuovo sforzo. Fondamentali i ristori immediati per le attività costrette allo stop”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Il Piemonte abbandona la zona gialla dopo quasi un mese e passa nuovamente in zona arancione, a partire dal 1° marzo.

L’ORDINANZA
A deciderlo il ministro della Salute, Roberto Speranza, che dopo gli ultimi dati del monitoraggio dell’Istituto superiore di Sanità ha deciso nel cambio di colorazione anche di Liguria (da arancione a gialla) Marche e Lombardia (da gialla ad arancione) e di Basilicata (che diventa zona rossa).

COSA CAMBIA IN ZONA ARANCIONE
Cambi significativi, quindi, almeno per la prossima settimana: chiuderanno nuovamente bar e ristoranti, anche a pranzo. Per i locali sarà consentito dunque solo l’asporto. Stop anche agli spostamenti non strettamente necessari all’esterno del Comune di residenza, che sarà vietato lasciare eccetto per motivi di lavoro, salute o altre emergenze.

CIRIO: “RISTORI IMMEDIATI”
Il presidente della Regione, Alberto Cirio, ha poi confermato il tutto via social: “L’Rt è cresciuto e si attesta sopra l’1 e la pressione ospedaliera sta aumentando – ha scritto -. Ci viene chiesto purtroppo un nuovo sforzo e so che è un sacrificio grande. Al nuovo Governo abbiamo sollecitato che i ristori per le attività costrette a fermarsi siano immediati”.

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo