Covid:  264 nuovi casi in Piemonte, stabile il numero dei ricoverati (foto depositphotos)
Salute
Oggi  42.394 vaccinati

Covid, in Piemonte 8 casi di variante Delta dai primi di maggio a oggi

6 in persone italiane e 2 in straniere: nessun caso grave

Sono 42.394 le persone che hanno ricevuto il vaccino contro il Covid comunicate oggi all’Unità di Crisi della Regione Piemonte (dato delle ore 18). A 18.958 è stata somministrata la seconda dose.

Tra i vaccinati di oggi, in particolare, sono 9.666 i 16-29enni, 5.314 i trentenni, 5.599 i quarantenni, 5.216 i cinquantenni, 4.793 i sessantenni, 6.517 i settantenni, 98gli estremamente vulnerabili e 290 gli over80.

Dall’inizio della campagna si è proceduto all’inoculazione di 3.524.412 dosi (di cui 1.159.108 come seconde), corrispondenti al 90,6di 3.891.990 finora disponibili per il Piemonte.

Oggi sono arrivate, e sono in consegna in queste ore alle aziende sanitarie, 28.500 dosi di Moderna e 10.200 di Johnson&Johnson.

VARIANTE DELTA IN PIEMONTE: 8 CASI DAI PRIMI DI MAGGIO AD OGGI

Dai primi di maggio ad oggi in Piemonte sono stati identificati 8 casi di variante Delta, 6 in persone italiane e 2 in persone straniere. Le province interessate sono Cuneo, Torino, Novara e Biella.

Si tratta di casi asintomatici o con sintomi non di particolare gravità. Attualmente tutti sono già guariti o in via di guarigione e i loro contatti in quarantena.

In particolare per il focolaio di Biella, emerso nell’ultima settimana ed ultimo diagnosticato in ordine cronologico, i casi accertati come variante Delta sono al momento due, mentre un altro caso è ancora in fase di accertamento.

Tutti i casi individuati finora sono emersi grazie al potenziamento dell’attività di tracciamento dei contatti ed agli approfondimenti diagnostici avviati dalla Regione.

Le attività di ricostruzione delle catene di trasmissione e di indagine e screening dei contatti svolte dai Servizi di igiene e sanità pubblica (Sisp) delle aziende sanitarie stanno permettendo di contenere la diffusione del virus.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo