L'INTERVENTO

Covid, Cirio: “Studenti in classe prima di Natale? Una scelta assurda”

Il governatore: "che senso ha fargli fare una settimana e poi mandarli nuovamente a casa per le vacanze natalizie?"

Il governatore Alberto Cirio

“Mandare i ragazzi delle scuole superiori in classe il 9 dicembre per fargli fare una settimana e poi mandarli nuovamente a casa per le vacanze natalizie la trovo una scelta improvvida e assurda, e così si sono espressi un po’ tutti i presidenti di Regione nella Conferenza delle Regioni. Credo sia un puntiglio che non aiuta nessuno”. Lo ha detto il governatore del Piemonte Alberto Cirio intervenendo a Sky Tg24.

SAPPIAMO QUAL E’ IL RISCHIO INFEZIONE
“Dovremmo rimandare i nostri ragazzi a scuola per una settimana – spiega Cirio – quando sappiamo qual è il rischio dell’infezione nei trasporti per poi lasciarli a casa a trasmettere il potenziale virus alle famiglie durante le vacanze natalizie”?

A SCUOLA NEL WEEK-END? NON CONTRARIO
E a proposito dell’ipotesi avanzata dalla ministra Paola De Micheli di aprire le scuole anche nei weekend, vale a dire di sabato e di domenica, “è una proposta – ha replicato Cirio – che non mi vede assolutamente contrario, non sono sicuramente contrari i ragazzi né le famiglie ma la scuola deve essere in grado di organizzarsi“.

E’ UN PROBLEMA DI PERSONALE
E poi: “non è un problema degli studenti e neanche delle famiglie, ma di personale” ha aggiunto il presidente della giunta regionale a Sky Tg 24. Per lasciare “le scuole aperte il sabato e domenica o con un orario più lungo” occorre garantire “che ci siano insegnanti e personale Ata in grado di assicurare il presidio e l’apertura” ha concluso Cirio.

 

 

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single