LETTO PER VOI

A cosa potresti rinunciare per vivere un giorno in più?

'Se i gatti scomparissero dal mondo' del giapponese Kawamura Genki

Il Diavolo non è mai come te lo immagini, questo è certo. Però che ti piombi davanti con delle improbabili camicie hawahiane fa un po’ effetto… Se poi parla anche con la tua voce, se addirittura la sua figura sembra la tua, allora probabilmente è con te stesso che stai parlando, è con te stesso che stai accettando il patto: per ottenere qualcosa bisogna sacrificarne un’altra. Il Diavolo di Kawamura Genki, lo scrittore e regista giapponese autore di “Se i gatti scomparissero dal mondo” (Einaudi, 14 euro), romanzo da cui è stato tratto anche un film nel 2016, si chiama Aloha, o così lo chiama il protagonista-narratore, impegnato in una lunga lettera testamento a suo padre nelle ultime ore della sua vita. Sì, perché questo uomo senza nome, che di professione fa il postino e vive con il gatto Cavolo in un piccolo appartamento e che ritiene di aver sempre «vissuto secondo le mie possibilità» (ossia senza aspettative e senza ambizioni), ha scoperto di avere un tumore al cervello che lo ucciderà in poco tempo.

Cosa fare in questi pochi giorni? Il nostro postino solitario non riesce neppure a compilare una lista delle cose da fare prima di morire. È a questo punto che arriva in suo soccorso (si fa per dire…) Aloha. Il patto è semplice: vuoi vivere un giorno più? Scegli allora qualcosa cui rinunciare. E quell’oggetto scomparirà dal mondo! Bislacco, vero? Al di là che Aloha stesso non riuscirà a cancellare i dolcetti al cioccolato dal mondo, si parte con i telefoni (il postino fa un’ultima chiamata alla sua ex, solo per passare delle ore con lei e scoprire quanto ci fosse tra di loro) e si prosegue con i film.

Riuscite a immaginare una cosa simile? O che qualcosa possa essere sparito, perché altri hanno fatto lo stesso patto, ma nessuno può ricordare cosa? E comunque ci sono tante cose che possono sembrare insignificanti, rispetto alla vita, fosse anche solo un giorno in più di vita. Ma ognuno di questi oggetti non porta con sé ricordi (gioiosi e dolorosi) e un pezzo di anima? E il gioco vale la candela? Per un giorno in più? E cosa si fa in questo giorno in più? In un calvario sempre più straniante, si arriva però al momento in cui il Diavolo pone la condizione più atroce: far sparire i gatti dal mondo. Si potrà rinunciare a Cavolo (che a un certo punto inizia anche a parlare) e a tutti gli altri felini? Che cosa sarebbe di noi stessi se accettassimo?

Un romanzo commovente e in qualche modo divertente al tempo stesso, dove sarà Cavolo a dare la risposta giusta e spingere il suo umano all’unica scelta possibile, una volta appresa la verità.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single