roulotte zingari rom
News
IL FATTO

CORSO MONTE LUNGO. Piazza invasa dalle roulotte: «E’ un vero campo zingari»

Campeggiatori improvvisati e abusivi indisturbati: comitati sul piede di guerra

Non è attrezzata per ospitare camper e roulotte in quanto è sprovvista di servizi igienici, energia elettrica e acqua corrente. Eppure l’area di sosta di piazza d’Armi, sul lato di corso Monte Lungo, è diventata da tempo un campeggio per le famiglie nomadi. Lo denunciano i fruitori del parco e i comitati che hanno inviato una precisa segnalazione alla circoscrizione Due e alle forze dell’ordine. Quel lato della piazza, infatti, si è ormai trasformato in una latrina.

Per terra ci si imbatte in rifiuti di ogni tipo mentre una vecchia cabina appare smantellata e ostaggio di pneumatici, bombole e altra immondizia. «Molti nomadi usano le roulette come domicilio – denuncia Lorenzo Ciravegna del comitato Bcp, autore di un sopralluogo -. Gli zingari sono riusciti ad impadronirsi anche del piazzale ma noi vogliamo ricordare che quella non è affatto una zona adibita a campeggio». Transitando a piedi ci si imbatte con facilità nei mezzi parcheggiati. Mentre la sera spunta un altro fenomeno preoccupante, quello degli abusivi che chiedono il pizzo per la sosta. La stazione dei carabinieri San Secondo è intervenuta più volte per emarginare questo fenomeno dei parcheggiatori abusivi, identificando inoltre i soggetti che sostano in quella area abbandonata.

«I cravattari – continua Ciravegna – minacciano gli automobilisti pur di ottenere qualche moneta. Mentre molti camper pare sostino lì da un anno abbondante».

Recentemente il parco è stato anche oggetto di un sopralluogo del Comune di Torino. Nel mirino, però, erano finiti i topi, i laghetti ridotti ad uno stagno e una situazione di palese abbandono. Oltre al proliferare delle zanzare, causato da una pulizia carente e dalla presenza di strutture abbandonate. Di soli due mesi fa, infine, sono le pulizie dei residenti di zona Santa Rita e dei ragazzi di Casa-Pound. Intervenuti per arginare il degrado e per liberare le aiuole da preservativi, immondizia e indumenti. Un intervento arrivato dopo alcune denunce riguardanti il presunto via vai di maniaci e pedofili.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo