(depositphotos)
Cronaca
Ventisei persone dimesse: non avevano contratto la malattia

Coronavirus, gravi le condizioni dei due turisti cinesi allo Spallanzani

Insufficienza respiratoria, necessario il supporto in terapia intensiva: sotto osservazione altri 11 pazienti

Sono sempre più gravi le condizioni dei due turisti cinesi colpiti dal coronavirus e ricoverati da giorni all’ospedale Spallanzani di Roma. Dal nosocomio fanno sapere che nelle ultime entrambi hanno manifestato chiari segnali di insufficienza respiratoria, al punto che “è stato necessario un supporto respiratorio in terapia intensiva”.

Nello stesso ospedale sono ricoverati undici pazienti provenienti da diverse zone della Cina interessate dall’epidemia, che presentano sintomi compatibili con il coronavirus. Tutti sono stati sottoposti agli appositi test per accertare se sono stati contagiati. Ventisei, invece, i pazienti che sono stati dimessi perché risultati negativi a tutte le analisi.

I due turisti cinesi sessantenni, in arrivo da Wuhan, erano atterrati all’aeroporto milanese di Malpensa prima di effettuare un piccolo tour e di approdare a Roma, all’Hotel Palatino. Qui al marito è venuta la febbre alta, con l’immediata attivazione del protocollo sanitario.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo