Elisa Ferrero e Matteo Penna, la coppia travolta, un anno fa, a Condove
Cronaca
La tragedia un anno fa in Val di Susa. Per la 27enne Elisa Ferrero non ci fu nulla da fare

Coppia in moto travolta a Condove dopo la lite, De Giulio si difende : “Non volevo uccidere”

Il processo è passato da Torino a Milano. L’elettricista 52enne di Nichelino interrogato dal gup: “E’ stato un incidente”

“E’ stato un incidente, il motociclista ha rallentato e l’ho investito, ma non volevo uccidere“. Si è difeso così oggi, nell’interrogatorio davanti al gup di Milano Anna Calabi dopo avere chiesto e ottenuto di essere processato con rito abbreviato, Maurizio De Giulio, l’elettricista 52enne di Nichelino, in provincia di Torino, che lo scorso 9 luglio a Condove, in Val di Susa, dopo una lite di viabilità, investì una coppia di giovani in sella a una moto, uccidendo sul colpo una 27enne, Elisa Ferrero.

IL PROCESSO SI CELEBRA A MILANO
Il fidanzato della ragazza, Matteo Penna, 29 anni, è sopravvissuto ma ha dovuto e dovrà affrontare lunghe cure per riprendersi. Il processo si celebra a Milano perché il difensore di De Giulio, l’avvocato Vittorio Nizza, ha chiesto e ottenuto il trasferimento degli atti in quanto una familiare della vittima è un vice-procuratore onorario in servizio al Tribunale di Torino.  E’ stata “la Procura della Repubblica di Torino che, appreso che tra le persone ‘danneggiate’ da questo omicidio vi era anche la dott.ssa Elena Ferrero Vpo onorario a Torino, ad aver trasmesso di propria iniziativa gli atti a Milano” ha precisato, con una nota, l’avvocato Elena Negri, che assiste i familiari della 27enne morta a Condove.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo