Torino, il palazzo comunale
News
Il consigliere Tresso chiede il ritiro del documento da egli stesso proposto: richiesta respinta

Il Consiglio comunale approva mozione su Ius Soli, il Pd attacca la maggioranza

Acceso diverbio tra il capogruppo Dem Lo Russo e il presidente M5S Versaci

Approvata tra le polemiche in Consiglio comunale la mozione sullo Ius Soli presentata da Francesco Tresso, esponente di Lista Civica per Torino. Il documento, emendato con una serie di modifiche proposte dalla consigliera del M5S Valentina Sganga, impegna Sindaca e Giunta a compiere ogni azione nei confronti di Governo e Parlamento per coinvolgere gli organi comunitari nell’esame del Disegno di Legge 2092, al fine di consentire una visione coordinata a livello europeo della normativa.

INCLUSIONE E VALORIZZAZIONE DELLE DIVERSITA’

La mozione impegna anche a sviluppare in città una linea di politica interculturale finalizzata alla valorizzazione della diversità, attraverso il confronto fra comunità diverse ed evitando fenomeni di esclusione che possono generare polarizzazione, paura, violenza e insicurezza.

IL DIETROFONT DI TRESSO

Prima della votazione conclusiva, però, lo stesso Tresso ha chiesto il ritiro della mozione, non riconoscendosi negli emendamenti approvati: richiesta respinta perché contraria al regolamento. La mozione è stata quindi approvata con 22 voti favorevoli e 1 voto contrario e subito dopo è iniziato il diverbio tra il presidente del gruppo M5S Fabio Versaci e il capogruppo Pd Stefano Lo Russo.

LITE E SOSPENSIONE

Lo Russo ha attaccato “lo stile democratico” della maggioranza in Consiglio, scatenando un’aspra discussione che ha indotto la vicepresidente Serena Imbesi a sospendere la seduta.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo