carabinieri
News
Tra i beni confiscati anche due immobili a Caselle e un campo da calcetto con la piscina

Confiscati beni per 1,6 milioni a un imprenditore edile di Leinì e alla moglie

Gli accertamenti patrimoniali sulla coppia hanno evidenziato una netta sproporzione tra il tenore di vita dei due e i redditi dichiarati

Per via della netta sproporzione tra il loro tenore di vita e i redditi dichiarati, i carabinieri hanno confiscato beni per 1,6 milioni di euro a un imprenditore edile di Leinì, nel Torinese, e a sua moglie.

In seguito agli accertamenti patrimoniali eseguiti sulla coppia, sono stati confiscati due immobili a Caselle, cinque capannoni industriali, un terreno agricolo, un campo da calcetto con la piscina, un autocarro, un furgone Mercedes e una Bmw.

L’uomo, 56 anni, era già finito nei guai per un furto di gasolio dall’oleodotto dell’Eni di Chivasso. All’imprenditore è stata notificata anche la misura di sorveglianza speciale per due anni, con l’obbligo di soggiorno nel comune di Leinì.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo