Il tesoro dei narcos nascosto in una villa a Leinì
News
La droga veniva importata dal Sudamerica

CONDANNATI I BOSS. Il tesoro dei narcos in una villa a Leinì: 4 milioni nascosti in giardino

La scoperta in una elegante villa nel Canavese Il tribunale ha inflitto condanne fino a 19 anni

Leinì. C’è chi «cercava di disfarsi di alcune mazzette gettandole dalla finestra, oltre 2 milioni e mezzo di euro riposti in una intercapedine ottenuta sotto il davanzale in marmo della finestra del bagno» , e chi invece il denaro, ben 4 milioni di euro in contanti, lo aveva nascosto direttamente in giardino, sotto terra, «in un barile in alluminio» e «in buste sottovuoto» che erano state «immerse nel riso» per contrastare l’umidità. E poi, in quel giardino, ecco ancora 26 Rolex e orologi di lusso marchiati Zenit o Richard Mille. Denaro, tanto denaro. Ma anche immobili di pregio, ben 11 quelli sequestrati, e automobili di grossa cilindrata, 15 quelle recuperate. Un autentico impero creato nel giro di qualche anno grazie alla cocaina importata dal Sudamerica attraverso la Calabria e poi piazzata nel Canavese, e non solo.

CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo