roulotte
News
IL MISTERO

Commercialista ammazzato in collina. Bruciata la roulotte di un testimone

Quando Ollino è stato ucciso il caravan era a pochi metri dall’auto in cui fu trovato il cadavere

Bruciata. Rasa al suolo di notte, quando il proprietario non c’era, ma sull’auto dormivano i suoi due cani, che si sono salvati per miracolo. La roulotte sulla strada comunale di San Vito di Revigliasco che si trovava a pochi metri dalla Bmw bianca in cui venne trovato morto, l’otto giugno, Luciano Ollino, 60enne di Moncalieri, è andata misteriosamente a fuoco la scorsa notte. L’area è stata isolata e sequestrata dai carabinieri, che indagano sull’omicidio, coordinati dal pm Ciro Santoriello. Il proprietario, un uomo che da alcuni mesi abitava sulla casa mobile, con gli amati amici a quattro zampe, è disperato. E ora ha veramente paura. Dopo l’omicidio, era stato sentito dai carabinieri, poche ore dopo il ritrovamento del cadavere del consulente finanziario, perché potenzialmente sarebbe stato un testimone del delitto. Ma il proprietario della roulotte non era presente sul mezzo al momento dell’o mi ci di o, così aveva riferito ai militari, fornendo particolari e spiegazioni che avevano reso la sue parole credibili. Per paura che i killer di Ollino – che carabinieri e procura stanno cercando senza tregua da tre mesi – lo reputassero un testimone in grado di far risalire gli inquirenti agli autori del delitto, l’uomo per qualche giorno aveva spostato la roulotte in un parcheggio in città.

+++ CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo