Silvye Lanza e e il serbo Denis Jovanovic insieme in una foto tratta da Facebook
Cronaca
Per lei il pm Padalino aveva chiesto 3 anni di carcere

COLPO DI SCENA. Furto milionario all’ereditiera in via Giolitti: assolta proprietaria boutique

Maddalena Rizzi era accusata di aver aiutato a definire il colpo nel 2015

Ennesimo colpo di scena per il furto milionario messo a segno nel centro storico Torino nel settembre del 2015.

Maddalena Rizzi, titolare della boutique difesa dall’avvocato Gianco Ferreri, è stata assolta dall’accusa di aver collaborato al colpo da 7 milioni di euro nell’appartamento di una facoltosa ereditiera in via Giolitti.

Secondo le indagini della polizia la donna e la figlia, Sivye Lanza, avrebbero aiutato l’albanese Zef Zefi e il serbo Denis Jovanovic, condannati entrambi a quattro anni di carcere lo scorso luglio, a completare il colpo.

Per la Rizzi il pm Padalino aveva chiesto la condanna a tre anni di carcere.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo