Colpo grosso a casa dell’industriale Michele Cinotto
News
Ripulita la casa dell’industriale Michele Cinotto

IL FATTO. Colpo da mezzo milione di euro nella villa dell’imprenditore-pilota della Dakar

I ladri sono riusciti ad aprire due casseforti. Portate via anche le telecamere di sicurezza

Hanno eluso i sistemi di allarme, aperto due forzieri e si sono impadroniti di denaro e gioielli per più di mezzo milione di euro. Poi, prima di fuggire con il bottino, hanno smontato le telecamere e si sono portati via pure i filmati dell’impianto antifurto.

Un colpo da manuale, eseguito da professionisti che però per agire probabilmente hanno avuto l’appoggio di un basista, qualcuno che ha saputo fornire le indicazioni giuste su quando e come colpire. I malviventi, sono entrati in azione nella notte tra sabato e domenica scorsi. Obiettivo la bellissima villa d’epoca, immersa nel verde alle porte di Valperga, dell’industriale Michele Cinotto, 58 anni, erede di una nota famiglia d’industriali, e proprietario della Sata, l’azienda più grande del Canavese. Un capitano d’industria, che dà lavoro a migliaia di dipendenti, noto non solo per le sue attività imprenditoriali di successo ma anche per i trionfi sportivi, al volante di varie auto da rally.

CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo